Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Un viaggiatore non segue percorsi calpestati

Tibet 2tibet1 (1)

In Tibet con un permesso di viaggio o nella Cina culturalmente tibetana con la libertà di viaggiare? Settembre e ottobre sono i mesi ideali per queste zone: le nevi si ritirano e aprono i sentieri.

Lo scorso autunno ero nel Sud della Cina e qualcosa mi spinse fino ai piedi degli Altopiani tibetani. Il Tibet mi affascinava, ma il mito costruito per un turista occidentale a digiuno di pace ha sempre frenato la mia voglia di scoprirlo. Per questa ragione ho scelto di conoscerne “un altro”, libera da gruppi organizzati e da permessi da autorizzare.

Ero nella provincia cinese dello Yunnan. Una tela naturale incastonata fra Laos, Birmania e Regione Autonoma Tibetana. Una terra dove il verde di coltivazioni di tè, tabacco e riso non esaurisce mai la sua produzione. Una terra colorata da ventisei minoranze etniche e attraversata da un’antica via, forse la più vecchia al mondo, che connetteva India-Birmania-Tibet attraverso i commerci di te e cavalli.
Risalendo la provincia, oltre alla presenza di un’autentica civiltà cinese che ordina luoghi e scandisce tempi, si incontrano dei territori geograficamente e culturalmente tibetani. Giunta alle porte della Regione Autonoma, il panorama era quello di turisti in coda per un posto nei tour e di sportelli bancomat assaltati per pagare permessi e aerei.
Ero in Cina e mi sono fidata dei suoi padri taoisti secondo i quali “un buon viaggiatore cammina su percorsi non calpestati”. Con i mezzi pubblici a disposizione dunque, mi sono arrampicata per circa 3000 km. Dalla vecchia cittadina di Shangrilà a Nord dello Yunnan – ottima base di partenza a 3300 m – ho risalito le province cinesi del Sichuan e di Qinghai, restando nei territori tibetani senza oltrepassare il limite politico – o autonomo – dello stesso.
Gli abitanti di queste zone di confine sono i khampa tibetani, allevatori di yak e persone nomadi che vivono terre difficili in un sali e scendi di passi che toccano i 4000 m, ma che ospitano vere e proprie città-monastero di non so quanti monaci. Per le strade invece donne khampa cucinano ottimi spiedini di funghi himalayani assieme a cinesi di etnia Bai che li condiscono con petali di fiori alpini secondo antiche ricette mediche locali.
Viaggiando in equilibrio sulla linea che mescola cultura cinese e tibetana, si incontrano anche montagne sacre come quella di Emei. Con i suoi 70 km di sentieri e dozzine di templi, è stata rifugio taoista fino alla visita di Boddhisattva Puxian – simbolo della pratica e della meditazione buddhista nonché fondatore del sistema Yoga – che nel 500 in groppa al suo elefante dorato a sei zanne, convertì molti dei templi da taoisti in buddisti.

Tra Cina e Tibet, alla fine delle esplorazioni, c’è ben poca partita. Stravince la prima: un Paese verde-natura e arancione-preghiera dove senza permessi si viaggia con il cuore libero di ridere e dialogare con monaci e abitanti di una nazione che unisce 56 etnie sotto un unico grande tetto.

Leggi anche:
Maledetta Cina
Pensare l’efficacia in Cina e in Occidente
Mongolia: un dipinto fra Russia e Cina

Viaggi
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

giovedì 8 Dicembre 2022