Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Pensare l’efficacia in Cina e in Occidente

Pensare l’efficacia in Cina e in Occidente

«La Cina oscura, ma vi si può trovare chiarezza. Ma quale chiarezza ci può giungere dalla Cina?». È questo l’interrogativo che il filosofo francese F. Jullien ci sottopone invitandoci a «mettere le carte sul tavolo, ossia lavorare localmente, con pazienza, per tentare di stabilire un confronto faccia-a-faccia fra il pensiero cinese e quello europeo». Il preambolo necessario è, e cito ancora le parole di Jullien, che la Cina rappresenta un «pensiero fuori quadro», un «altrove del pensiero che fa reagire il nostro» perché «si è sviluppato in maniera indipendente da noi e, di conseguenza indifferente a noi». Non è un’ode alla Cina quella dell’autore, ma un’illuminante analisi di due poli che osservano lo stato delle cose da due prospettive differenti. La ricchezza sta nell’opportunità di cogliere questo altrove come punto di riferimento esterno, sul quale fare perno senza cadere nell’errore di leggerlo come immaginario esotico per evitare – comodamente – di ripensare al proprio agire.

Un saggio definito brillante e che personalmente consiglio ad ogni lettore che ha relazioni con il mondo governato da Pechino. Imprenditore o studioso, turista o appassionato, curioso o diffidente che sia, ciascuno avrà l’occasione di apprendere come obiettivi, strategie, azioni e risultati possono essere visti, vissuti e raggiunti in due modi differenti, non per questo scartando questo o l’altro, ma piuttosto ripensando ognuno al proprio.

Azione e trasformazione, due opposti che definiscono “noi” e “loro”. Due dialettiche dell’agire, la prima che sancisce un momento, visibile e che segna, la seconda invece longeva, globale nella presa ed invisibile, ma di cui “si notano i risultati”.

Laddove il foglio ritorna ad essere bianco e “l’impensato” viene a galla, ad ognuno ricercare l’inchiostro perfetto per riscrivere il proprio pensiero, «in un mondo che continua a rinnovarsi».

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

domenica 26 Maggio 2024