Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Cap.4 Una figurina appesa alla macchina del caffè

Materassi di cocco in un Ashram indiano

Le persone nel tempio erano molte, tutte sedute e ben ordinate. Si sentiva la voce degli uomini raggiungere la nostra. Ogni tanto sbirciavo le donne attorno a me: chi cantava disinvolta e chi, impacciata come me, cercava di uniformarsi a qualcosa di sconosciuto.
Nel tempio dell’Ashram guardavo tutti dall’alto del mio ego ignorante e mi sembrava di essere in mezzo a degli “invasati”. Ma fra questi ce n’era una – io – che non sapeva cosa l’avesse spinta fino a lì e soprattutto cosa la facesse stare seduta a terra, per giunta anche scomoda.
Sulla scia del “tanto non mi conosce nessuno”, misi a bada il mio ego e iniziai a cantare con gli altri “invasati”.
A occhi aperti mi assaliva una sensazione di nausea, così li tenevo chiusi e cercavo di accordarmi con quello che mi circondava. Preferivo i canti vivaci, avevano il giusto ritmo per non farmi pensare a troppi perché. Non ricordo quando, ma iniziai a sorridere senza rendermene conto. E l’energia con la quale mi unii al battito di mani mi sorprese. Osservai la mia vicina – americana penso– e il suo sguardo di fratellanza mi spinse a battere con più enfasi, quasi a farmi credere in quella figura divina che dava senso al “loro”, o forse “nostro”, essere lì.

In punta di piedi iniziai un discorso con quel Dio. Avevo così paura a riconoscerlo che lo salutai in silenzio, non lo chiamai mai per nome – gli parlavo senza abbandonare il pensiero “non sono pazza”, anche se  mi sembrava di esserlo.
Qualcosa mi teneva alto il volume della voce, senza controllo iniziai anch’io a nutrirmi dell’immagine di Baba appesa in ogni dove.

I giorni successivi smisi di passargli davanti ascoltando chi gli dava il buongiorno o il buonasera e vantandomi di non farlo, lo guardavo con ego più umile. Tuttavia, non gli porgevo ancora i saluti come tutti “gli altri”. “Tanto mica mi può sentire” mi dicevo quando mi fissava da una figurina Panini appesa alla macchinetta del caffè. Ho finito col salutare quell’immagine a modo mio, con il rispetto per chi ha scelto questa strada per pregare Dio, o per chi, per quel saluto, attraversa mezzo mondo per provare ad essere un po’ più felice.

Nessun “invasato”, ma devoti coerenti con le risposte trovate in Baba e fedeli a Lui, altri più filosofi e lì di passaggio per conoscere Baba ma tuttora a caccia di soluzioni più convincenti.

Materassi di cocco in un Ashram indiano:
Cap.1 Un acquerello siberiano in India
Cap.2 Una venditrice di papaya
Cap.3 La vita è un gioco per bimbi cresciuti
Cap.4 Una figurina appesa alla macchina del caffè
Cap.5 I veri ballerini danzano in gruppo
Cap.6 Una scarpiera nepalese in India

Viaggi
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

venerdì 14 Giugno 2024