Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Cicerone e “petaloso” (Parte II)

Cicerone non si stupirebbe più di tanto a leggere – eh sì, nel frattempo ha imparato anche l’italiano! – su un quotidiano nazionale (nazione? E da quando?) di una nuova parola, “petaloso”, che personalmente (dico io) non lo convincerebbe più di tanto anche se grammaticalmente ben fatta, e la cui sopravvivenza – di questo invece sarebbe ben consapevole – dipende unicamente dalla sua capacità di affermarsi nell’uso.

Non capirebbe invece (e io con lui) la risonanza mediatica data all’innocuo fatterello, pedagogicamente grazioso ma nulla più. Ognuno ne parla: c’è gente (seguita da TG, testate giornalistiche internazionali, politici!) che fraintende una lettera indirizzata da una prestigiosa istituzione a un bambino di otto anni (scritta dunque in un linguaggio “dagli otto anni in su”) attribuendole sentenze mai pronunciate e costringendola a parafrasarsi a scanso di equivoci; gente che inneggia al genio creativo di un poco più che infante; gente semianalfabeta che, dimenticandosi che «est proprium stultitiae aliorum vitia cernere, oblivisci suorum» (a voi il compito di tradurla: Cicerone la fatica di imparare l’italiano l’ha fatta!), decreta la morte della lingua italiana.

cicerone_giustiziaR400 banner modifica

Per caso, poi, al nostro oratore potrebbe capitare di buttare l’occhio su qualche riflessione pubblicata su Facebook (e che lingua è, questa?) in merito all’argomento dalla sempre crescente schiera di paladini linguistici e censori della dubbia moralità dei tempi correnti: ma questa sarebbe un’esperienza eccessiva anche per lui, uomo di duemila anni fa abituato a guardarsi le spalle dai molti nemici accumulati negli anni a causa della sua penna tagliente. Quousque tandem, italiani, abutemini patientia sua?

Leggi anche:
Cicerone e “petaloso” (Parte I)

UnderWord
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

mercoledì 21 Febbraio 2024