Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Eleonora Andriani e la tecnica Lady Gaga

9 Giugno 2012. Campo Padre Eterno di Giovinazzo, detto anche da “ Minguccio”.
Triangolare di beneficenza a favore di Emergency, l’associazione umanitaria italiana fondata da Gino Strada e Teresa Sarti il 15 Maggio 1994, a Milano.

In campo venti ragazze sotto il sole cocente di un estivo sabato pomeriggio.
Parte il primo incontro, tra risa, sbuffi e incoraggiamenti. Le squadre giocano a viso aperto, ma il risultato rimane bloccato sullo zero a zero. Manca un quarto d’ora alla fine.
Mariangela Bellifemine, soprannominata “Serpente” per il suo gioco sinuoso, scende dalla trequarti, dribbla un paio di avversari e calcia in porta. Tra i pali, una figura longilinea, calzoncini bianchi e maglia verde con la E sul petto. È Eleonora Andriani.
Di fronte al tiro di inaudita potenza non si scompone. Alza il braccio sinistro, ruota il busto, intreccia il braccio destro e incrocia le gambe. Parata.
Eleonora esordisce così nelle competizioni calcistiche che contano. La sua magica parata darà vita, un po’ per scherzo e po’ sul serio, alla “Tecnica Lady Gaga”: un misto di competenza e coraggio che la renderanno memorabile.
Dirà al fotografo Vito Serlenga:«Senza occhiali non vedevo nulla. Avevo un caldo micidiale e stavo per svenire. Pensavo tra me e me, chi me l’ha fatto fare, potevo inventarmi la solita scusa del concerto jazz del martedì. A un certo punto ho visto una cosa bianca a tutta velocità che mi arrivava contro, in piena faccia. Non ci ho pensato due volte, ho chiuso gli occhi e mi sono avvitata. Solo allora ho capito che era la palla, che l’avevo presa in pieno sulla testa e che soprattutto l’avevo presa… tutti ridevano e mi chiamavano la Lady Gaga del calcio».
La partita terminerà con un sonoro risultato tennistico, ma Eleonora Andriani, giovane ricercatrice universitaria, amante del cinema e della letteratura diventa un simbolo di sportività e buon cuore.
Non ama il calcio, ha paura della palla, ma per una buona causa non si tira indietro.
In un mondo, quello del calcio appunto, dove regna il mito del successo e del denaro, Eleonora Andriani diviene il simbolo del Fair Play.
La stampa italiana chiederà a Stefani Joanne Angelina Germanotta, alias Lady Gaga, cosa pensa di Andriani Eleonora. La nota cantante statunitense dirà: “Who?!”.

sorridere-pj-magazine

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 4 Marzo 2024