Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Le ragioni del dubbio. L’arte di usare le parole – Vera Gheno

Parlare è una funzione vitale, un meccanismo che troppo spesso diamo per scontato e sul quale raramente ci interroghiamo. Viviamo in un mondo affollato di parole che non trova adeguato spazio per la riflessione e l’approfondimento. Ma guardiamoci intorno: quante sono le parole usate senza una base di competenza? Che valore hanno le parole? Sono uno strumento semplice, di uso quotidiano e universale. Impariamo ad incollarle insieme fissandole nella memoria come definizioni da Trivial che apprendiamo nel corso della nostra vita: valvassori e valvassini, guelfi e ghibellini ecc.

Ma le parole non sono mai solo parole. Le parole sono scie che si trascinano dietro tutte le nostre storie, le nostre certezze, sono arte, sono ganci che uniscono punti di vista e saldano ideali. Tutto questo Vera Gheno – sociolinguista, scrittrice e traduttrice – lo sa bene: le parole sono espressione delle persone. Nel suo nuovo libro “Le ragioni del dubbio. L’arte di usare le parole” indaga tutti quei meccanismi della lingua italiana dei quali spesso non ci rendiamo nemmeno conto, interrogandosi sul peso e sul ruolo che il linguaggio assume nelle nostre vite. Attraverso queste pagine ci ricorda così che la comunicazione porta con sé imprescindibili responsabilità e che le parole vanno riscoperte, aprendo una riflessione sulle conseguenze della comunicazione e proponendo un metodo che ci faccia fare un passo indietro prima di consumare parole in argomenti con cui non abbiamo alcuna dimestichezza. Un metodo che cresce e si sviluppa su tre pilastri: il dubbio, la riflessione e il silenzio. Le tre pietre angolari di un sistema di rivoluzione linguistica che devono guidarci attraverso il complesso mondo della comunicazione.

Il dubbio, uno stato di incertezza ma anche il primo pensiero che deve precedere qualsiasi espressione verbale e la radice della conoscenza che deve sempre essere ricercata. Di cosa stiamo parlando? In che contesto? A chi? Perché? Una serie di interrogativi che, sebbene all’apparenza scontati, non possono che essere il punto di partenza di una comunicazione consapevole. L’importanza del dubbio di Vera Gheno è quindi un invito alla comprensione di come le parole ci leghino al resto del mondo.

La riflessione, che deve e non può fare altro che accompagnare ogni concetto che formuliamo. Uno spazio che va creato.

E infine il silenzio, una possibilità e una scelta. Il silenzio che assume un valore polisemico, proprio come la parola stessa. Ci consente di creare spazio per il dubbio e la riflessione, ma allo stesso tempo, dopo aver dubitato e pensato, è capace di sostituirsi (saggiamente) alla parola stessa.  Il silenzio che è comunicazione e che spesso viene ridotto a momenti rituali, per finire il più delle volte derubato anche di quelli.

Un libro che, con estrema leggerezza, districa tutti i nodi porgendoci tre fili da intrecciare con una delicata consapevolezza: stare in silenzio per dubitare, dubitare per riflettere e riflettere per tacere.

Il semplice meccanismo della comunicazione consapevole.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

martedì 6 Dicembre 2022