Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Youtuber: scansafatiche o lavoro creativo?

Questo articolo fa parte del laboratorio Scrittori di classe

È ormai noto che su YouTube molte persone guadagnano grazie alle visualizzazioni che fanno i loro video. Dopo aver creato un proprio canale, si può instaurare una partnership con YouTube e il canale guadagna denaro a seconda di quante visualizzazioni riceve. Questo perché, accettando la partnership, si accetta di inserire uno spazio pubblicitario prima o in mezzo al video.

Nel 2007 cominciarono a nascere negli Stati Uniti gli Youtubers, persone che, grazie alla partnership con YouTube, guadagnavano soldi per migliorare la qualità dei contenuti. Il fenomeno fu un successo e si diffuse in tutto il mondo. Sulla piattaforma è ormai facilissimo trovare video di Youtubers che fanno tutorial, che giocano ai videogame, che creano degli sketch, che commentano argomenti di attualità…

Oggigiorno girano su YouTube utenti chiamati Haters, i quali,quando trovano un video che non è di loro gradimento, ne approfittano per insultare l’autore scrivendo nei commenti, per esempio, che il contenuto del video è falso, che l’autore “non è più quello di una volta”…

(Commenti a un video dello Yotuber Cicciogamer89)

dd

Premettendo che io non sono uno Youtuber, secondo me, trovare dei contenuti originali da caricare su YouTube ogni giorno è un lavoro estremamente difficile e creativo. Se una persona pensa che i video visualizzati non siano abbastanza belli, dovrebbe almeno dare una motivazione, in modo che lo Youtuber si accorga di cosa non è piaciuto dei suoi video e che possa migliorare i suoi contenuti. Se invece una persona non vuole dare una motivazione per pura pigrizia, penso che dovrebbe cliccare sul “non mi piace”, invece di insultare l’autore del video.

imm-articolo-youtuber

L’autore del video dovrebbe, però, accettare le critiche e cercare di capire in cosa può migliorare i suoi video. Trovo ingiusto, inoltre, quando uno Youtuber crea un video al quale mette un titolo accattivante che non ha collegamenti con il contenuto, ma serve soltanto ad aumentare il numero di visualizzazioni. Questo genere di contenuto, chiamato clickbate, è un modo dello Youtuber di guadagnare facilmente prendendo in giro i loro utenti.

Diminuire il numero di questi video e aumentare il numero di critiche positive sarebbe il primo passo verso una comunità di Youtuber migliore e solidale.

Attualità, Scrittori di classe
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 24 Giugno 2024