Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Vi auguro solo piccole cose, ma che fanno rumore

Una lettera dedicata a tutte le persone che leggeranno quest’articolo

“La prima stesura di qualsiasi cosa è una merda”. Hemingway. È una frase che mi ripeto spesso e che oggi vi voglio trasmettere. Non lasciatevi scoraggiare o fermare dall’imperfezione iniziale di ciò che non ha ancora trovato la propria strada, i primi passi di un cammino a volte sono ingannevoli. Non lasciatevi ingannare dalla fretta o da una momentanea insoddisfazione. Siate pazienti. È un peccato accantonare in un cassetto e far prendere polvere a qualcosa che, con un po’ di pazienza, potrebbe addirittura rendere felici.

Non so come sia stato il vostro anno. Difficile, emozionante, di cambiamento, di scoperta. Il tempo passa. Impariamo che tutto è temporaneo. I momenti. I sentimenti. Le persone. I fiori. Impariamo che amare significa dare e lasciarsi ferire. Impariamo che non bisogna adattarsi, che ci si può impuntare e che si deve pretendere ogni tanto. Impariamo a vivere di quello che la gente non nota. Impariamo che la vulnerabilità è sempre una buona scelta perché è semplice essere persone fredde e non esporsi mai. Impariamo che il nostro punto debole è avere un debole per ogni cosa. Impariamo che niente arriva da solo. Amore e morte, dolore e gioia, sale e zucchero. È l’universo che cerca il suo equilibrio.

Il mio è stato un anno pieno. Ho imparato che tutto cambia, tutto si evolve, si trasforma e io con tutto questo. Ho capito anche che a volte è solo difficile accettarlo. Niente è perso. Niente è preso. Le persone e le cose vanno, tornano, spariscono, ritornano. Tu sei liber* di cambiare idea. O no. Ho imparato che la giornata si affronta una tazzina alla volta. O un calice.

Ho anche imparato che famiglia è chi dona il suo cuore per far crescere il tuo. Ho imparato che la salsa di soia va bene su tutto, che ci saranno sempre le braccia di mio fratello ad abbracciarmi e che voglio essere gentile senza aver paura di mostrarmi fragile.

Ho imparato che posso dire “magari”. Voglio ricordarmi di guardare tutte le opzioni perché magari c’è qualcosa che posso fare, magari c’è qualcosa che mi è sfuggito, magari c’è qualcosa di diverso che posso aspettarmi. Voglio imparare che la produttività non è quanto si fa in un giorno, ma quanto quello che ho fatto è bilanciato al mio bisogno stare bene.

A tutte le persone che stanno leggendo questo articolo, auguro di fiorire in modo pericoloso, disordinato e fuori tempo. Vi auguro di non stare alle regole e di rompere gli schemi. Vi auguro di smettere di usare il condizionale. Vi auguro di avere gli occhi lucidi e il respiro tremante. Vi auguro di essere persone confuse, di non capire che direzione prendere e di sbagliare. Vi auguro di smettere di chiedere scusa e permesso. Vi auguro di non vivere nel mito della perfezione, di imparare a conoscere la vostra imperfezione, a darle un nome, una forma e poi abbracciarla o prenderla a calci. Basta che non sia un’estranea.

In questo 2023, vi auguro di imparare ad abbracciare l’incertezza e a non farvi aspettative. Vi auguro di avere coraggio. Di cambiare, di accantonare le paure, di ridere quanto basta per stare bene.

Ogni volta che sarete nell’incertezza fatevi un favore: abbiate fiducia in ciò che vi fa sentire meglio.

Non vi dico che sarà facile né che tutto andrà bene. Nessuna di queste frasi.

Vi dico di darvi importanza, nella vostra vita siete voi che contate.

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 1 Febbraio 2023