Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Terrore in Francia

Questo articolo fa parte del laboratorio Scrittori di classe

Venerdì 13 novembre 2015 a Parigi c’è stato un attacco terroristico combinato.
Sono morte 129 persone e più di 350 sono rimaste ferite. Ci sono stati vari eventi coordinati, tra i quali 5 esplosioni. Quest’attacco è stato rivendicato dal gruppo terroristico “ISIS”, il quale ha dichiarato che per Parigi non è ancora finita e ha rivelato che tra i suoi prossimi bersagli c’è anche Roma.
Gli avvenimenti di Parigi hanno innescato una serie di azioni repressive militari e di polizia, volte a colpire individui direttamente coinvolti o in qualche modo riconducibili all’organizzazione degli attentati parigini.
Adesso i maggiori Stati del mondo si stanno coalizzando contro questa organizzazione e stanno bombardando la Siria, ovvero lo Stato più importante dell’ “ISIS”.
Alcuni terroristi sono stati trovati dalla polizia in una casa nella periferia di Parigi. Grazie ad un intervento tempestivo, militari e forze dell’ordine sono riusciti a reprimere questa cellula terroristica. L’operazione ha visto anche l’intervento di un’unità cinofila e un cane poliziotto è morto.
Tutt’ora un attentatore è in fuga e tutta Europa lo sta cercando, mentre paura e confusione dilagano tra la popolazione.

Parigi_8-111

Attualità, Scrittori di classe
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

venerdì 19 Aprile 2024