Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

La festa dei coscritti – parte II

Mi colpisce il fatto che alla festa dei coscritti dei trent’anni nessuno abbia voglia di fare discorsi seri. Stasera è come se certi argomenti – lavoro, carriera, famiglia – fossero aboliti per decreto. In voga, invece, i ricordi della medie: la volta in cui il vecchio Fede si è preso in faccia il libro, la volta in cui la prof ha dato la doppia nota al Giovanni, la volta in cui il prof aveva schiantato la sedia sull’armadio, la volta in cui il Friz se l’è fatta addosso.

Forse – penso io – nessuno è abbastanza fiero della propria vita attuale per parlarne agli altri. Magari andrà diversamente alla festa dei quaranta, ma al momento le cose più interessanti sembrano essere i vecchi ricordi che ci accomunano.

A un certo punto Angela si alza e fa: «devo andare, scusatemi. Buona serata a tutti, ciao.» Io capisco che la mia serata è finita. Allora non me ne fregava niente di quella maledetta festa.

La guardo e penso che se avessi una posizione economica adeguata le chiederei di lasciare suo marito e di sposarmi. Magari di adottare un paio di bambini di colore ed anche uno indonesiano. E poi fare le raccolte punti per permetterci un frullatore in omaggio ed esserne felici. Andare la domenica a fare passeggiate e andare a letto con la luce spenta e la finestra aperta per fare entrare il fresco: sì lo voglio, sì.

Guardo le facce ancora giovani ma non più così fresche dei miei coetanei. Guardo i loro piatti luridi. Guardo il loro ridere, la loro amarezza. Guardo lo sguardo di Angela, penso a tutta una vita, penso che ci voglia una donna così, accanto, per trovare il coraggio di invecchiare.

 

leggi anche: La festa dei coscritti – parte I

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

sabato 25 Maggio 2024