Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

La festa dei coscritti – parte I

È il 15 giugno, il torrente porta verso la pizzeria un aroma di estate, di fiori, di voglia di vivere. È il 15 giugno e le giornate sono più lunghe che mai.

Mancano venti minuti alle nove, ci siamo tutti nel cortile della pizzeria. Dietro c’è il giardino, con il prato e qualche pianta attorno. Ci sono due sale interne e uno spazio esterno. C’è il bagno con la cassa stereo che non va mai, da una vita, e c’è il solito sapone rosa sopra al lavandino.

image

Ci siamo stati tutti in quella pizzeria, ma questi sono i trenta e quello è il posto giusto per sottolineare la ricorrenza. È un po’ come dire: sono finiti i tempi in cui la festa dei coscritti era lanciarsi giù per Brescia per tornare inzuppati di alcool e vomitare nel pulmino.

 

Sem veci ades, roba da meter su famea…

 

Nella tavolata prende subito piede una rigida suddivisione di genere: i maschi da una parte, le femmine dall’altra. Per pura fortuna sono seduto al centro, sulla linea di demarcazione è possibile godere della vivificante visione di Angela Fogli, in ghingheri per l’occasione.

Alla mia destra, a capotavola della metà maschile, c’è Filippo Lardi che sta parlando del suo progetto di produrre birra artigianale. Accanto ad Angela c’è una sedia vuota ed è quella di Tullio. Lo ritrovo intento a pontificare nella metà femminile, accovacciato accanto a Lisa Manici. Sta parlando di un’energia che abbiamo dentro il corpo. Lo conosco il Tullio: dieci minuti e sarebbe capace di trasformare una chiacchierata informale in uno spazio d’ascolto strutturato in cui uno può parlare solo se alza la mano ed è lui a darti la parola. Un genio.
Vedo una delle due gemelle Trentini, la Sonia. Vedo le signorine Teresa e Maria, due soggetti sui generis sempre assieme per misteriose affinità. La Ste si è presentata con in braccio suo figlio. C’è un gruppetto di uomini che parlano solo tra loro di fatti avvenuti in passato e di cui non si capisce niente.

 

Leggi la seconda parte dell’articolo: La festa dei coscritti – parte II

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 24 Giugno 2024