Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

La banalità del tempo e l’importanza della memoria

Guarda quel treno. È appena partito.
Ne ho visti tanti partire, senza dolore.
Sono sempre stato lì.
Dove? Non mi era concesso saperlo.

Osservo la pagina lucida di un libro: 27 gennaio, Giornata della Memoria. È l’anniversario della liberazione di Auschwitz da parte dei soldati sovietici, avvenuta il 27 gennaio 1945. È scuola. È storia. Per me è il ricordo della complicità. Affacciato ad una finestra ero solito osservare con meraviglia l’abitudinaria regolarità dei treni che passavano. Ero un bambino incapace di vedere. Ero un bambino polacco che viveva a pochi chilometri dai cancelli di Oświęcim – o come tutti la conosciamo – di Auschwitz.

Ero semplicemente un bambino. Sono trascorsi settantasei anni da quel ricordo. Ora, affacciato ad una finestra che conosco fin troppo bene, osservo la storia trascritta su un libro, senza comprenderla. La Giornata dedicata alla Memoria non è per me altro che il ricordo del mio fallimento. Uno spettatore silenzioso. I treni passavano e io li osservavo, uno dopo l’altro, inerme e ignaro della meta di quei vagoni ordinari. Eppure vedevo, eccome se vedevo, ma non volevo crederci: la mia anima non era in grado di accettare lo sterminio di migliaia di persone, di bambini, proprio come me. È la banale legge del tempo: nel presente scriviamo la storia senza riuscire a comprenderla, il passato è destinato a finire nell’oblio e l’unico modo che conosciamo per perpetuarlo è raccontarlo. Chi dimentica è complice. Così adesso ricordo, anche se non sono riuscito ancora a comprendere come dietro a un treno e allo stupore di un bambino potesse celarsi una così atroce realtà.

La Giornata della Memoria esiste perché – ormai più di settant’anni fa – milioni di persone, proprio come me, hanno assistito impotenti all’avverarsi di una tragedia. La Giornata della Memoria esiste perché la commiserazione non basta per comprendere il messaggio della storia: bisogna renderlo attuale. La Giornata della Memoria esiste per insegnare a tutti noi che cantare “la storia siamo noi” non basta: la storia siamo stati e saremo noi. Soltanto allora riusciremo a capirla. È questo il grande e magnifico ruolo della storia: plasmare la memoria e con essa la nostra capacità di sapere, capire e comprendere. Storia: vaccino contro l’ignoranza e medicina contro l’indifferenza.

Così, da bambino inconsapevole e spettatore “colpevole”, io oggi ricordo.

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...
  • A volte basta un bagno per rinascere, per cancellare stress, ansia e preoccupazioni. Scarpe como ...
  • Far dialogare tra loro i diversi popoli, superando le diversità linguistiche, con l’ambizione ...
  • "So Farewell, Yellow Brick Road". Mani sui tasti del pianoforte a coda e via, pronto a suonare ...
  • Fake news, perchè ci caschiamo ancora? La risposta è semplice, è il nostro cervello ad "ingann ...
  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...

giovedì 29 Settembre 2022