Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

“Gran Casinò – Informare per creare consapevolezza

Questo articolo fa parte del laboratorio Scrittori di classe

Il comune di Trento forma i propri futuri cittadini, finanziando spettacoli per consapevolizzare e aiutare gli adolescenti ad essere in grado di prendere decisioni riguardanti il loro futuro.

Il 25 novembre 2016 si è svolto, nel teatro di San Marco, lo spettacolo “Gran Casinò” con Fabrizio de Giovanni, un professionista del settore teatrale e ben informato sull’argomento trattato, diretto da Gilberto Colla e organizzato dalla compagnia teatrale ITINERARIA.

De Giovanni era vestito in modo del tutto casuale, come se fosse stato lì, non per farci una lezione, bensì per informarci dei rischi che possiamo incontrare durante il nostro percorso di vita. In particolare, è stato affrontato in maniera molto comprensibile e significativa il tema della dipendenza dal gioco d’azzardo.

immagine WolfGC

La recita è stata introdotta da un breve discorso di Mariachiara Franzoi, assessore con delega per le politiche sociali, familiari ed abitative di Trento. Inoltre, è stata presentata l’associazione “Tra di noi”, costituita da giovani volontari accomunati dalla voglia di aiutare e di prendersi cura degli adolescenti, rispondendo online a qualsiasi tipo di domanda venga loro posta.

La scenografia era molto semplice: un pianale di vetro appoggiato a due cavalletti in legno era posto al centro del palco, ricordandomi la trasparenza con la quale Fabrizio de Giovanni si poneva a noi ragazzi; due schermi separati tra loro e retti da supporti in acciaio erano dotati di retroproiettori, i quali, di tanto in tanto, riproducevano video a tema. Anche le luci erano molto semplici; riflettori di luce bianca erano posti sul palco, alla vista del pubblico.

Nella sala, piena di scolaresche, si potevano cogliere la passione, la voglia e l’entusiasmo di recitare e trasmettere un messaggio relativamente a questo problema sociale, purtroppo molto diffuso in Italia. Anche il pubblico non era da meno: interessato e partecipativo, applaudiva le mani con foga, come se volesse che Fabrizio non smettesse mai di “raccontare”.

Nell’arco della mia vita ho assisto a diversi spettacoli teatrali ma, senza dubbio, questo è stato quello che più mi ha coinvolta, anche emotivamente. Si percepiva chiaramente che De Giovanni, quel giorno, non si trovava sul palco perché finanziato dal comune, bensì perché voleva trasmetterci alcuni spunti su cui riflettere, dato che può capitare a chiunque di diventare dipendente dal gioco e rovinare se stesso ed i rapporti con le persone care.

Ritengo che questa rappresentazione abbia esattamente colto nel segno. Io personalmente sono rimasta colpita dai numeri che l’attore ha citato di persone patologicamente dipendenti e dalle conseguenze economiche che essa provoca: in pochi attimi vengono sperperati i risparmi di una vita e molte famiglie si disgregano.

 

 

 

Attualità, Scrittori di classe
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 1 Febbraio 2023