Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Recovery: the journey

E anche quest’anno è arrivato, puntuale come non mai e altrettanto spaventoso: il momento di tirare le somme. Da dove iniziare? Il 2021 è stato un anno (sono stati due anni a dire il vero) segnato da chiusure, contagi, insicurezze, restrizioni e precarietà. Ripresa, è questa la parola magica che oggi aleggia sulla bocca di tutti. La ripresa è dietro l’angolo. Anzi, è già qui, assicura un coro pressoché unanime di voci. Il domani ci viene incontro a passi da gigante. C’è chi sceglie di addentrarsi nel futuro anticipandolo e c’è chi, invece, attende nella paura, mentre le parole “innovazione” e “cambiamento” ci accompagnano ogni giorno di più in un viaggio attraverso la scienza e il progresso.

 Ma, nel concreto, come si riparte e come siamo ripartiti?

Tralasciamo economia, politica, relazioni internazionali, costi, benefici. Parliamo di “salute”. La ripresa della salute. Non parliamo di “sanità”, sanità è un termine più generico, più “lontano”. Sanità è “ministeriale”. La salute, invece, è nostra, è quella con cui dobbiamo convivere e che ci spinge a scendere a compromessi. Quella che si fa un po’ desiderare, quando decide di prendersi una pausa, o meglio, quando finisce rinchiusa in lockdown. È la ripresa più difficile, questa. La ripresa mentale, quella che diventa il palcoscenico di nuove emozioni e di sentimenti contrastanti: l’euforia per la riapertura, la paura di un nemico ancora presente, l’ansia per la prospettiva di allentamento delle restrizioni e la frustrazione per ciò che ancora non possiamo fare. Sì, perché il Covid non è solo una questione di sistema, struttura o sanità. Quello che ci ha lasciato tutta questa situazione riguarda anche la difficoltà ad uscire di casa, la perdita di abitudine nel vestirsi, nel rivedere persone e nel socializzare. È quel forte senso di smarrimento e inadeguatezza che si prova all’idea di cambiare abitudini, o peggio, di non saper più come ricreare o riadattare la propria routine in base a nuova normalità.  Le nostre case, in questo periodo, sono diventate un rifugio, abbiamo stabilito un perimetro di sicurezza e ora dobbiamo abbandonarlo per lanciarci di nuovo nel mondo (… e poi diciamocelo, la vita in casa non è poi tanto male come si pensava all’inizio).

Diciamoci la verità: a chi non è capitato di ritrovarsi in una strada affollata e di “spaventarsi” alla vista della marea di persone che la circondano? Lo stupore si unisce al panico: finalmente torniamo a uscire, ma… la mascherina? Gli assembramenti? La paura rimane e la libertà si trasforma in un problema.

Così la ripresa deve essere innanzitutto mentale e la parola chiave non può che essere gradualità. Tornare ad abituarsi al fatto che ogni giorno è diverso, che non siamo destinati a ricadere sempre nella routine, che le opportunità sono tante e che sono lì proprio per essere colte.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 1 Febbraio 2023