Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Le sfide delle Dolomiti viste dai pedali, il racconto di Lìmit

Prima parte

Emanuele Rippa e Simone Gislimberti sono due giovani trentini che hanno intrapreso l’avventura di Lìmit, un viaggio su due ruote tra le Dolomiti per raccontarne le sfide odierne, ma anche un documentario per sensibilizzare sulle crisi che stanno affrontando le nostre montagne. La première di Lìmit è andata in scena sabato 6 aprile al Teatro di Ravina, registrando un tutto esaurito. Nei prossimi mesi sono in programma altre proiezioni e eventi legati al documentario per diffondere il più possibile il suo importante messaggio. Abbiamo avuto l’occasione di incontrare Emanuele per farci spiegare qualcosa in più sul progetto.

Emanuele, che cos’è Lìmit? Che messaggio porta con sé?

Lìmit è prima di tutto una spedizione. Io e Simone siamo partiti da casa nostra in bicicletta per visitare i luoghi del territorio che ci circonda che evidenziano in modo molto visibile alcune situazioni attuali e urgenti: il cambiamento climatico e la crisi derivante dal turismo di massa e dallo sfruttamento della montagna. Abbiamo deciso di partire da casa perché, insieme all’evidenziare questi aspetti, volevamo anche provare a lanciare un messaggio diverso e positivo: dimostrare che si può andare in montagna in un altro modo, meno inquinante, meno rumoroso e meno problematico. Ci si può muovere con le proprie gambe e questa è una cosa bella, non costa solo più fatica ma ci si possono ricavare anche più emozioni. Abbiamo scelto di percorrere le Valli più colpite da queste crisi, sempre più urgenti, e che sperimentano grandi problemi per chi vive il territorio. Non siamo però autonomi nel raccontare tutto ciò, ci siamo affidati a vari esperti e abbiamo chiacchierato un po’ con le persone che vivono quelle zone.

In Lìmit, quindi, si dà voce a voi e alle vostre esperienze, ad esperti ed esperte e alle persone del luogo. Cosa emerge da questa moltitudine di voci?

Emerge, in primo luogo, che si sta sviluppando un bel movimento di studiosi che si interessano e che iniziano a trattare queste tematiche con importanza, dandoci peso. Emerge, poi, che la popolazione che vive nei territori sta effettivamente soffrendo le dinamiche attuali. Questo è qualcosa che gli studiosi non si immaginavano, perché il turismo sì, riempie la valle, ma in alcuni casi è vissuto come un problema. Emerge anche che ci sono nuove possibilità e nuove idee per lavorare e per curare, per cambiare. Noi abbiamo provato a raccontare tutto questo con un documentario. Sono usciti alcuni libri e stanno uscendo vari articoli sulla tematica, noi abbiamo scelto un linguaggio comunicativo diverso che, secondo me, può anche essere più interessante per i giovani delle scuole.

Il titolo del vostro progetto è Lìmit, un chiaro rimando al senso di limite. Di quale limite parlate? Quale messaggio volete trasmettere a riguardo?

Si tratta di un limite da ritrovare e da non superare. Un limite che resti tale e che non si cerchi di rimuovere e spostare. Un limite non necessariamente esterno e che crei disagio ma che, al contrario, si possa ascoltare per stare meglio. Il limite in questione può essere alle presenze di turisti, al numero di seconde case, di macchine che possono transitare o di giornate per le quali si possono raggiungere determinati luoghi in auto. In sintesi: un limite al turismo e ai consumi sfrenati.

L’intervista continua qui.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

domenica 26 Maggio 2024