Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

La straordinaria storia dei vaccini

© National Portrait Gallery, London.

Visitare la National Portrait Gallery di Londra è una di quelle esperienze che, almeno una volta nella vita, va fatta. Fra i vari ritratti esposti nella pinacoteca, potrebbe attrarre la vostra attenzione quello di Edward Jenner, che siede pensieroso nel suo ufficio. Accanto al padre dell’immunizzazione, un libro che ritrae un esemplare di bovino, animale studiato dal medico britannico per produrre i primi vaccini della storia. La storia dei vaccini, tuttavia, non prese avvio grazie a Jenner ma piuttosto grazie alla scrittrice Lady Mary Wortley Montagu, la quale venne a conoscenza d’un particolare metodo di protezione dal vaiolo «che consisteva nell’inoculare, nel soggetto da immunizzare, del materiale prelevato da lesioni vaiolose o dalle croste di pazienti non gravi», scoperto durante uno dei suoi innumerevoli viaggi. Per lungo tempo e con scarsi risultati tale pratica, chiamata variolizzazione, venne impiegata nella lotta contro il vaiolo e fu proprio quest’ultima a spingere Jenner a studiare più a fondo la malattia.

I suoi studi partirono infatti dall’osservazione delle mani di alcune lattaie tra cui Sarah Nelmes, che era stata infettata dalla sua mucca Blossom, malata di vaiolo ovino (che produceva eruzioni cutanee simili a quelle prodotte dal vaiolo umano). Il medico britannico presto comprese che le mungitrici guarite da vaiolo ovino non si ammalavano di vaiolo comune e divenivano quindi immuni a tutte le varianti del virus. Jenner elaborò così, finalmente, il primo vaccino della storia, che consisteva nell’iniettare vaiolo ovino in persone sane per renderle immuni, proteggendole da una spaventosa epidemia. Il suo primo volontario fu il giovanissimo James Phipps, un bambino di soli otto anni.

Le ricerche di Edward Jenner posero le basi per lo studio di molte altre malattie infettive e contribuirono allo sviluppo dell’immunologia nel corso del XIX secolo.

Sebbene i primi tentativi di immunizzazione contro malattie come morbillo e tubercolosi non diedero i risultati attesi, dopo la metà dell’Ottocento si iniziarono a raggiungere importanti traguardi grazie agli studi di medici come Robert Koch ed il biologo Louis Pasteur, fondatore della microbiologia e primo studioso a creare un vaccino in laboratorio.

Difterite, tubercolosi, rabbia, poliomelite, meningite e rotavirus sono, oggi, solo alcune delle patologie sconfitte grazie all’introduzione dei vaccini (dietro ad ognuno dei quali si cela una storia di brillante investigazione, sforzi e perseveranza). La dedizione impiegata da scienziati e studiosi negli anni è probabilmente quella stessa tenacia che caratterizzò Edward Jenner, descritto da fonti storiche come gran osservatore e uomo appassionato, impresso per sempre su tela dal pittore James Northcote. Nel ritratto del 1803, lo studioso di Berkeley appare seduto vicino al suo scrittoio mentre impugna una piuma nella mano destra. Molto probabilmente, mai avrebbe pensato che nel 1979 l’OMS avrebbe dichiarato il vaiolo come malattia finalmente eradicata.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

sabato 25 Maggio 2024