Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

La rabbia è fuoco per la creatività ed è tempo di lasciarla bruciare

Sguardo feroce, denti stretti, labbra serrate. È il volto della rabbia.

Arrabbiarsi è piuttosto facile: in famiglia, nei luoghi di lavoro, sui mezzi pubblici (nel traffico!).

La rabbia e il suo potere sono temi persistenti e una realtà quotidiana per ognuno di noi. Quando scegliamo le battaglie che vogliamo combattere, quando cerchiamo di comprendere le questioni sociali e politiche che influenzano la nostra vita, quando ci mobilitiamo per esse. Sono tutte parti fondamentali del pensare alla nostra rabbia e del pianificare come utilizzarla al meglio.

Osservare, concentrarsi, pensare e analizzare. Conoscere ciò che ci fa arrabbiare, ciò che è ingiusto e ciò per cui vale la pena combattere è la strategia che ci insegna a comprendere quando sia meglio parlare o agire (e quando invece sia meglio non farlo), quando e come si debbano anticipare le situazioni, come fermarci e quando farlo, come pensare chiaramente nella foga del momento e come risolvere e dare voce ai problemi. Più si è informati, meglio si è attrezzati. Maggiore è l’equipaggiamento e i mezzi di cui si dispone, maggiore sarà l’efficacia e la capacità di assorbimento della rabbia. In questo modo i momenti critici il più delle volte si trasformano in punti di forza. Quando siamo arrabbiati, nervosi, frastornati, quando le nostre emozioni sono in subbuglio, la nostra immaginazione gira velocemente. È in quell’istante che dobbiamo sforzarci di essere creativi, di agire e di dare luce a qualcosa di unico.

La rabbia è un sentimento che è spesso considerato come estremo e negativo, collegato alla perdita dell’autocontrollo.  Ma non è sempre così. Contrariamente all’idea che la rabbia offuschi il pensiero, intesa correttamente è un’emozione sorprendentemente chiarificatrice che ci pone davanti a delle scelte. Ci sono due vie attraverso cui fare i conti con la rabbia: repressione ed espressione. Possiamo lasciare che la nostra rabbia ci bruci lentamente dall’interno verso l’esterno, oppure possiamo incanalarla ed esprimerla in modi nuovi e potenti. La repressione nasce dalla paura di esprimere questa emozione, mentre, intesa correttamente, la rabbia si trasforma in un canale di comunicazione. Non c’è un modo giusto per esprimere quello che si prova. C’è un modo creativo, quello sì. Insomma, ci sono diversi modi per trarre vantaggio dalla rabbia e uno di questi passa certamente attraverso l’espressione artistica. Non è un caso che lo stereotipo raffiguri l’artista come un essere “tormentato” e “inafferrabile”: gli artisti possono davvero essere definiti come delle persone complicate perché probabilmente molto arrabbiate!

In breve, c’è creatività nella rabbia e molta rabbia nella creatività. Parlando di me, scrivere è stato il meccanismo che fino ad ora ho sempre utilizzato per convertire potenti sentimenti negativi in ​​un lavoro immensamente soddisfacente e gratificante. La scrittura mi ha portato all’azione, alla chiarezza e alla comprensione. Scrivendo, la rabbia che sentivo e che avrebbe potuto sopraffarmi è diventata un veicolo, non più una destinazione. Alcune persone potrebbero chiamare questo passaggio come “gestione della rabbia”, ma in realtà si tratta di semplice trasformazione. Qualunque canale si scelga di usare per comunicare la nostra rabbia, la chiave sta nel farla uscire e nel lasciarla bruciare, trasformandola in un mezzo che cura.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

domenica 26 Giugno 2022