Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

La prova del Covid: il futuro dell’arte culinaria gourmet

Immagina: le tovaglie bianche inamidate, il tintinnio dei calici, la sincronia del servizio, l’equilibrio tra eleganza e convivialità, la purezza di una luce soffusa, la fusione di innovazione e tradizione. Adesso aggiungi a questo contesto onirico mascherine per il viso, distanze di sicurezza, un pungente profumo di disinfettante, uno shock umanitario ed economico. Due fotografie contrastanti che mettono in risalto le difficoltà riscontrate da uno degli autori essenziali della nostra italianità: la cucina stellata.

In un mondo che si presenta inevitabilmente mutato sia per quanto riguarda le priorità che i desideri, quale sarà il destino riservato all’arte culinaria gourmet? Come cambierà quella speciale area gastronomica che fino a poco tempo fa poteva essere definita come “simulacro del buon gusto”?

La pandemia globale mette a dura prova la cucina italiana. I clienti riesumano antichi ricettari segreti di famiglia, i ristoranti ripiegano sull’esperienza delivery nel tentativo di rilanciare varianti altrettanto soddisfacenti. La cucina diventa sempre più “mamma” e sempre meno “lusso”, dove i clienti si dimostrano maggiormente attaccati alla tradizione e alle mura domestiche piuttosto che alla stravaganza dello sfarzo.

Il fatto è certo: il panorama della cucina raffinata, comunque riprenda, sarà definitivamente cambiato. Alcune ipotesi fanno riferimento ad una prospettiva di cucina radicata in un ambito sempre più locale, alla riscoperta di un ambiente a noi più prossimo e ad una probabile riduzione del grado di elaborazione delle pietanze stesse. Altre visioni – più pessimistiche – immaginano invece un inevitabile declino della cucina stellata a causa di una crescente riluttanza allo spostamento: chi sarà ancora disposto a partecipare a una lotteria per un posto vacante e a volare dall’altra parte del mondo per mangiare una (raffinatissima) bistecca di carne Wagyu rivestita in oro edibile di 24 carati?

Tuttavia, al di là di fantasticherie e prospettive future, ci sarà sempre spazio per coloro che il cibo sanno e possono produrlo – al meglio soprattutto. La rinascita della cucina stellata è destinata a verificarsi, presto o tardi che sia, nell’esatto istante in cui il privilegio dell’eccellenza tornerà a trionfare. Quando virologi, esperti, terapeuti e politici lasceranno la scena, i riflettori torneranno a brillare su quelle stelle che fino ad ora avevano invaso ogni angolo di pubblica notorietà: gli chef stellati.

E così torneremo a riguardare con la nostalgia caratteristica delle diapositive del passato anche quella Polaroid che inizialmente eravamo stati costretti a vestire con abiti nuovi: sedersi ad una tavola preziosa e immacolata, accompagnati dal rumore rassicurante del passo esperto di un sommelier e illuminati dalla luce fioca e accogliente di una candela.
In un mondo attualmente chiuso, il panorama culinario gourmet si prospetta propenso e deciso a riacquisire il diritto di cui è stato brutalmente privato: il posto d’onore.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

martedì 31 Gennaio 2023