Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

La legge della montagna: il sentiero del saluto

Eccolo, lo riconosci subito: smarrito, insicuro, impacciato. Colui che, posto dinanzi ad un “ciao”, sprofonda impaurito nei recessi della memoria alla ricerca di un volto, di un nome (anche soltanto di un’iniziale!). Colui che ti squadra un po’ stralunato rimuginando tra sé e sé “Ma perché mai mi saluta questo?”. Ma sì, è proprio lui: il novizio! Colui che non saluta, colui che non ricambia, colui che non sa. Ma non temere, mio caro novizio, imparerai presto!

Il saluto in montagna, infatti, è un’usanza estremamente contagiosa, un’abitudine antica avvolta in un manto di mistero, una forma d’arte simbolo del risveglio dell’umanità. Almeno, per chi la montagna la vive. Sì, perché ci sono anche (e soprattutto) loro: i montanari. Quelli preceduti dalla loro fama, quelli che sono sempre un passo più avanti di te, quelli che salutano tutti (ma proprio tutti!), ma non parlano mai un granché. Loro di certo lo sanno molto bene: il saluto in montagna non è solo d’obbligo, ma è anche un vero e proprio segno di adesione ad un patto di appartenenza non scritto.

Una categoria riconoscibilissima: tutti con il proprio zaino sulle spalle, con i panini da condividere e i paesaggi da vivere. Insomma, chi cammina in montagna appartiene alla categoria di chi cammina in montagna. Ma, quindi perché ci si saluta? Ci si saluta semplicemente perché impari che si fa e lo fai. “Paese che vai, come vedi fare, fai”, citando un motto popolare. Insomma, la montagna è come un paesino con pochissimi abitanti (anche se immenso): le usanze tradizionali diventano leggi. E così è accaduto per il gesto di salutarsi in montagna. È una di quelle leggi non scritte, di quelle che si tramandano di generazione in generazione, riguardo a cui nessuno si pone domande.

Ma il saluto in montagna non è solo un dato di fatto, è molto di più. Quel saluto è una catena di solidarietà, un buon augurio, una dimostrazione di riconoscimento reciproco. Quel saluto è la porta socchiusa grazie alla quale superare la stantia soglia del nostro bozzolo quotidiano ed aprirci all’altro.  Quel saluto è un istinto di sopravvivenza, una dichiarazione implicita di aiuto e di sostegno reciproco. Quel saluto è un calcio alla differenza, alla diffidenza. Una testimonianza del fatto che anche nella forma più genuina di contatto, anche in un semplice saluto, in montagna (e non solo) alla fine non siamo poi tanto diversi. E forse basta un piccolo cenno del capo, forse basta un gesto anche solo abbozzato con la mano, per unire. E allora la montagna diventa unione, la montagna unisce.

E così, novizio, esperto, ospite fortuito o habitué che tu sia, non dimenticarti mai di salutare e di ubbidire alla legge della montagna.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

martedì 31 Gennaio 2023