Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Il sonno della scrittura genera mostri

Qualche giorno fa, per caso, ho letto su un testo d’esame di teoria economica questa frase: “non si tratta di risultati non inattesi”. L’ho dovuta rileggere una decina di volte e confesso di non averne capito il senso: la tripla negazione mi ha provocato un tale senso di rabbiosa impotenza che ho allontanato il libro, sconfitto.

Questo tipo di scrittura è tipico dei saggi universitari, della giurisprudenza e del politichese. Basta prendere una normativa ministeriale o aprire un faldone di atti processuali e in pochi attimi ci si perde in un accrocco di coordinate scoordinate e di subordinate insubordinate, di aggettivi come se piovesse, di avverbi dal fascino arcaico e di locuzioni verbali di cui vergognarsi.

È una lingua spaventosa perché distantissima dalla realtà, cioè dal modo in cui una persona qualsiasi si esprime. Per esempio, quante volte diciamo “sono a scriverle”? Nemmeno una: molto meglio “le scrivo”. Eppure capita spesso che nelle mail scappi la prima variante, specie se ci rivolgiamo a qualcuno nei cui confronti proviamo (o pensiamo di dover provare) riverenza. Oppure ancora: perché normalmente diciamo “Costituzione” e non quello che invece si legge nelle linee guida ministeriali per l’insegnamento dell’educazione civica e cioè “trattato costituzionale”? Che cosa ci spinge a usare una lingua che non è nostra e che, anzi, più ci è lontana più ci pare adeguata?

La risposta che riguarda l’average person è molto semplice. Quando approcciamo chi – uso un’espressione orribile ma efficace – sta “più in alto di noi”, tendiamo a infiocchettare il nostro discorso con una caterva di ridicolezze linguistiche per far colpo o quantomeno per non sfigurare, perché crediamo che la lingua infiocchettata che noi sfoggiamo sia quella che il nostro interlocutore usa quotidianamente. Lo facciamo perché ci sentiamo in difetto e (per questo) in imbarazzo e vogliamo compensare la difficoltà apparendo colti, linguisticamente ben dotati. Pur capendo e in parte condividendo questa difficoltà, credere che una lingua artificiosa sia la soluzione è sbagliato. Molto meglio attenersi alla buona saggezza popolare del “parla come mangi”. Altrimenti, rischiamo di suonare ridicoli e vagamente patetici.

Continua…

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 7 Dicembre 2022