Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Cronache dal sottosuolo: ce l’abbiamo fatta!

Chi non muore, si rivede!

È un’espressione usata quando si rivede una persona dopo tantissimo tempo, un tempo che è sembrato tanto lungo quasi quanto un’intera vita.

Per quel che mi riguarda, ho sempre creduto che si trattasse più che altro di un’espressione esageratamente macabra. Nel nostro caso è più corretto dire: quando non si scrive, ci si rivede!

Ebbene sì, nell’ultimo articolo Laura vi ha avvisato: siamo una redazione fuori dagli schemi. “Ci conosciamo senza conoscerci, ci riuniamo senza riunirci” (cit.). E invece ce l’abbiamo fatta. UnderTrenta funziona! Ci siamo incontrati (finalmente!) per una pizza e una, due, forse tre birre. Basta computer, penne, festival, interviste. Divertiamoci per una buona volta!

È stata una serata molto piacevole, ma come poteva non esserlo, sono certa che voi, lettori e lettrici, sappiate già molto bene quanto siamo simpatici. Vanità a parte, ci siamo conosciuti, questa volta per davvero, in carne e d’ossa, come redazione, amici e persone. Abbiamo affrontato rapporti bellicosi con la pizza, fette di mortadella che volano e bottiglie di vino che finiscono troppo velocemente. Ci siamo lanciati in riflessioni importanti, abbiamo ripercorso la nostra origine ed evoluzione, abbiamo ribadito il piacere che l’arte dell’approfondimento culturale ci dona, al di là della cronaca e delle sue 5W. Abbiamo constatato che siamo un gruppo un po’ surreale e che sappiamo trascendere i confini che la realtà ci pone. Abbiamo compreso come il nostro direttore Federico, il nostro Matusalemme, sia con tutta probabilità una figura ibrida che non emana calore e che si pone a metà tra un rettile e un fantasma. Abbiamo riso e sognato, immaginato progetti futuri e festeggiato nuovi cambiamenti. Ci siamo resi conto di essere un paradosso: un giornale che cresce, anche disconnesso, immerso in una realtà social.

Siamo un gruppo a cui confidare limiti, difficoltà e confusioni senza paura di mostrare la propria matassa di fili ingarbugliati. Un momento per partecipare all’interiorità degli altri, ascoltandone i successi e le richieste di aiuto e leggendone non solo le parole, ma anche i volti e gli sguardi.

All’inizio per me UnderTrenta è stato come scrivere le prime righe di una storia: non sai dove ti porteranno. Un po’ come correre incontro all’ignoto. Soltanto con il tempo ho capito cosa significhi fare parte di una redazione. Una redazione è come una famiglia che non cresce sotto lo stesso tetto, unita da un legame di passione, rispetto e condivisione. Persone che credono nella parola e che condividono l’immaginazione per improvvisare.

Quello che ho imparato è che trovarsi è un caso. Ritrovarsi la scelta.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 1 Febbraio 2023