Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Napoli senza pericolo, Napoli senza dolore

L'isola di Nisida vista dal Parco Virgiliano
L'isola di Nisida vista dal Parco Virgiliano
Spiaggia rimasta sospesa negli anni '60
Spiaggia rimasta sospesa negli anni '60
Spiaggia rimasta sospesa negli anni '60
Spiaggia rimasta sospesa negli anni '60
"Giù a Giuseppone a mare"
Vecchio pontile in disuso
Vecchio pontile in disuso

Pensare di poter raccontare anche solo un pezzo di Napoli è un esercizio velleitario, se non addirittura arrogante.
Per questo mi metto in tasca la mia presunzione e tiro fuori il mero resoconto di una giornata trascorsa in questa città sporcata dall’incuria e dalla meraviglia, nella consapevolezza confortante che si tratti di uno sguardo limitato e incompleto, da approfondire ancora e ancora.
Del caos vuoto, del traffico caldo e della pioggia soffocante, da fratello maggiore quale non sono, preferisco non parlarvi. Trovo più originale, in questo caso, raccontarvi della pace che ti coglie di sorpresa, come una marachella scoperta e non punita. Di quel sollievo d’aria e di quell’equilibrio di galleggiamento che a Napoli non ti aspetti. Questa è una visione di parte.
Posillipo in greco Pausilypo letteralmente vuol dire “tregua dal pericolo” o “che fa cessare il dolore”.
Non parlo dei baretti che ti servono un apertass (aperol+cedrata) quando coi tuoi mocassini chiari sei già dentro l’happy-hour.
Parlo delle strade bianche da fare in motorino. Dei tornanti che sono innumerevoli perché innumerevoli sono le volte in cui ci torni. Parlo delle ville settecentesche decadute, ingoiate da onde fameliche. Dei bambini arrampicati sui ruderi per fare i tuffi in un tempo sospeso, dove i vaccini portano sfiga ma gli anticorpi se li fanno comunque. Parlo di pontili abbandonati e avventurosi. Di quando una mattina scendi giù fino a “Giuseppone a mare” e ti ritrovi a noleggiare un kayak del 2013 su una spiaggetta degli anni ’60, di quando un porticciolo può essere considerato serenamente balneabile, di quando un mangianastri spara Patti Pravo e non ti sorprende, di quando i pappagalli addomesticati sul pancione del guardiano presidiano una caletta di sabbia poco distante dal set di Un posto al sole.
Ecco, su quella faccia di Napoli, ti sembra di essere travolto da ellissi temporali continue e vorticose, ma resti in equilibro. Sei aggrappato all’unico tempo veramente utile, quello del ritmo di voga, quello che segna il tuo incedere in una sola direzione, solidale con chi ti accompagna. Il tempo che garantisce un senso, soprattutto alla fatica. Uno, due. Uno, due. Uno, due. In quell’acqua così chiara… Fa cessare il dolore.
Il pic-nic decidiamo di farlo al Parco Virgiliano o “della Rimembranza”. Attraversiamo un’entrata monumentale dopo aver parcheggiato. Scegliamo un sentiero in salita che piano piano ci allontana dal mondo. Ci seppellisce in alto dove puoi respirare meglio. Dove i clacson non arrivano ma, distingui perfettamente l’affanno dei joggers. Uno, due. Uno, due. Uno, due.
La vista su Nisida è il premio per la tua fatica. Come chi riceve elemosina spontanea per aver portato un peso condiviso. Lo depositi sul prato e ringrazi ogni perla di sudore per la quiete rara in cui ti ha condotto, salvandoti dalle buone e cattive notizie della vita di sempre. Tregua dal pericolo.

Bulkington

Viaggi

Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 4 Marzo 2024