Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

In auto

Mani alle dieci e dieci sul volante. Ho le vertebre cervicali ruotate a destra per tenere d’occhio lo specchietto retrovisore: il tamponamento è sempre in agguato. Poi uno sguardo allo specchietto di sinistra, per assicurarmi che chi sorpassa stia nel suo e non mi venga addosso. Infine guardo davanti a me per evitare ostacoli e controllare gli stop di chi mi precede. Se mi ricordo respiro. Arrivata al lavoro sono già stanca.

Non credo a chi dice che guidare sia una cosa puramente meccanica, io guido con tutto il corpo attivo, come un uomo primitivo in fuga da un animale feroce.

Ad esempio, arriva alle mie spalle un matto, alla guida di un Suv bianco. Mi supera cavalcando la linea di mezzeria e la sua velocità sposta me e la mia vecchia Clio verso la corsia di emergenza, sono senza fiato. Maledetto! Mi parte la solita imprecazione automatica giornaliera. Maledico gli automobilisti, poi denigro l’intero genere umano, infine scivolo nei giudizi e nell’autocritica, condannandomi per il solito pessimismo e la cattiveria repressa. Due minuti prima la feccia umana era il pilota del Suv bianco, ora la feccia umana sono io.

in auto

C’è poco da fare, a me il viaggio in auto scatena emozioni represse come rabbia, cattiveria e furia omicida, ma anche paura, ansia e fantasia negativa. Parto ogni mattina con le migliori intenzioni, ma basta arrivare alla prima rotonda per farmi saltare sul sedile.

Dicono che nelle rotonde tutto sia scorrevole, bisogna fluire. Invece a me pare di non sentire più le gambe, la vista si annebbia, nelle orecchie rimbomba il clacson di quello dietro che mi invita, col garbo di un isterico, a darmi una mossa. Se non mi sforzassi di rimanere lucida, rischierei di partire alla cieca tenendo le braccia tese sul volante e gli occhi chiusi, pensando o la va o la spacca. Alle rotonde arrivano schegge impazzite, che si prendono la precedenza anche dove non è prevista. Mi domando ogni giorno: perché abbiamo tutte queste rotonde?

Poi ci sono i padroni dell’asfalto, in tangenziale e in autostrada, loro non si immettono, loro arrivano a razzo e tagliano la strada. Poi ci sono quelli che, con tre corsie disponibili, viaggiano a passo d’uomo nella corsia centrale, seguiti da chi, per farli rientrare, alza i fari a intermittenza e si avvicina a loro fino a pochi centimetri, quasi sempre senza risultato. Ed allora, visto che la terza corsia è occupata da piloti di formula uno in prova speciale, qualcuno si sente autorizzato a superare a destra.

E quando c’è coda ferma? I migliori attivano le quattro frecce e percorrono con disinvoltura la corsia di emergenza. Un mattino, in coda, mi ritrovo il muso di un Audi grigia a un centimetro dal mio faro di destra. Sudo. La coda riprende a scorrere leggermente e l’Audi, come una anguilla, si infila tra me e il furgoncino sgangherato che poco prima avevo davanti. Pochi metri e la affianca una pattuglia dei Carabinieri con paletta e lampeggianti. Evviva! Quella mattina sono arrivata al lavoro soddisfatta e ho esultato: giustizia è fatta!

 

Viaggi

I vostri commenti all'articolo

4
  1. Maurizio

    Come si fa tutte le mattine a vivere questo inferno? Tu ce l’hai fatto vedere. Guidare non sará più lo stesso.

  2. Dianora

    Brava Sara!!!
    Bella fotografia della realtà quotidiana.
    Scrittura fluida e piacevole.

  3. Elisabetta

    Bravissima! Mi sono immedesimata nelle tue parole

  4. Tiziana Arsiccio

    Per me sei un mito ! Se non ti conoscessi penserei che sei pazza,ma siccome sei “pazza” proprio come me: EVVIVA i pazzi o meglio,le “pazze” come te!!

Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

martedì 6 Dicembre 2022