Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Silhouette: il collezionista di imposte

Fisico da pin-up o eloquenti budini celluloidi, strizzati in “comodi” bikini?

Sulle spiagge degli italiani ogni bellezza può essere sfoggiata, ancora da tinteggiare magari o già bella “arrostita” come le bistecche che qualcuno addenta a ferragosto. In un modo o nell’altro, sui rotocalchi e sulle riviste più femminili, si fa uso e abuso di un termine assai noto: silhouette.
Questa parola ormai di dominio pubblico si deve ad un certo Etienne de Silhouette, Ministro delle Finanze di Luigi XV, passato alla storia per aver emanato delle imposte piuttosto inusitate come quella su porte e finestre, tanto da ridurre lo stato ad una condizione molto “sottile”.
C’è però una piccola curiosità: il caro Ministro, estrosamente bizzarro, amava attorniarsi nel suo castello dei profili dipinti dei cortigiani, o meglio della loro silhouette, che non si sa per quale strano motivo egli collezionasse.
Una strana mania che ben gareggia con le frenesie dietetiche di chi vuole passare a pieni voti la prova costume.

Non importa se il mio profilo sarà poco assottigliato, non rinuncio ad una coppa di gelato con doppia panna. Eh sì, io colleziono budini!

UnderWord
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

mercoledì 21 Febbraio 2024