Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Il fascino del cattivo

Il fascino del cattivo

Perfido, infido, il personaggio del “cattivo” tante volte ci affascina e ci diverte più di quello “buono”. Non apprezziamo forse maggiormente la bravura di un attore quando riesce ad essere perfettamente convincente nei panni di un mascalzone? Riccardo III, Macbeth, Shylock, Iago, non sono forse dei malvagi i più grandi personaggi creati da Shakespeare? Ma cos’è che tanto ci attrae di queste figure? Non tanto la loro malignità in sé, perché nessun uomo nasce crudele; a incuriosirci allora sono le origini, il perché del loro essere così.
‘Cattivo’ deriva dal termine ‘captivus’, che in latino significa ‘prigioniero’. Ora, se si pensa a come gli antichi Romani trattavano i loro detenuti, ridotti in catene, schiavizzati, o trasformati in gladiatori per massacrarsi a vicenda nel circo, non deve poi stupire che costoro si dimostrarono così poco amabili tanto da far diventare il termine ‘captivus’ sinonimo di ‘malvagio’.

UnderWord
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

venerdì 14 Giugno 2024