Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Dizionario dell’ignavo

mangosi_20070224

Dicono che io sia affetto da ignavia: sarebbe a dire che non sono pronto, non sono solerte o così, almeno, suggerisce il termine originario latino.

Dovrei fare, ma non faccio perché non ne ho la forza psicologica. Alcuni parlano di a-bulia. Vogliono fare i dotti e darsi arie con etimologie pompose, nominando con fare sapiente l’alpha privativo e un verbo greco, ‘boulomai‘, cioè volere.

Stringi stringi, la storia è la stessa, solo la lingua d’origine è diversa: resto sempre uno che non è in grado di compiere atti di volizione. Quello che invece mi colpisce è l’idea di essere un indolente o, se vogliamo accontentare gli amanti del greco, un a-patico. L’alpha, in questo caso, mi priva non di volontà, ma di dolore!

Anche in latinoin-dolentia‘ è l’assenza di sofferenza. Non sono uno sfaticato, ma uno che, siccome non fa nulla, non prova neppure nessun patimento.

Eppure non sono in-felix, senza felicità, questo è l’aspetto sconvolgente della mia condizione. Contro il senso comune, l’interpretazione letterale del mio stato mi toglie le conseguenze negative del fare (la fatica fisica o quel soffrire che deriva dalla consapevolezza di aver agito erroneamente), ma non mi sottrae esplicitamente la soddisfazione dell’operare e del risultato che ne consegue.

Se mi parlassero di, che so, ingaudio, se quei dotti mi spaventassero con la diagnosi di aneudaimonia, neologismi che suonano minacciosi di per sé e che si fanno ancor più paurosi per il loro significato, ossia la mancanza di gioia, in quel caso, forse, mi metterei all’opera. Sì, credo che questa terribile prospettiva, la prospettiva dell’infelicità, mi aiuterebbe persino a ritrovare la boulè, la volontà che ora mi manca, perché al dolore si rinuncia volentieri, ma alla felicità no.

 Leggi anche:
Il-ludere, o del giocare con la lingua

UnderWord
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

giovedì 20 Giugno 2024