Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Beata solitudo, sola beatitudo

Beata solitudo, sola beatitudo

Cos’è la solitudine?
Nel nostro parlare quotidiano, il termine assume una connotazione negativa e si affianca al concetto di depressione e al disagio esistenziale. La solitudine è temuta: un’esperienza da rifuggire il più possibile.
In inglese essere soli si dice to be alone. Alone deriva da ‘all’+’one’, essere tutt’uno, essere uniti in se stessi e con tutto ciò che esiste e infatti, nel tempo, la solitudine ha avuto un valore fondamentale nell’arte e nella contemplazione mistica di pensatori, filosofi e anacoreti.
Molto spesso, però, si tende ad associare il concetto di solitudine a quello di isolamento. Niente di più sbagliato.
L’isolamento si subisce, piomba addosso come una maledizione privando l’essere umano dell’amore per la vita, bloccando ogni apertura al mondo esterno. È la radice di numerose patologie psichiche e sociali che attanagliano la nostra società postmoderna perché si sottrae all’ascolto e quindi alla relazione con l’altro da sé
La solitudine, al contrario, è una scelta, momentanea o definitiva, che spinge ogni individuo a venire a contatto con la parte più profonda e intima del suo io e con ciò che lo circonda fino ad abbracciare l’intero universo. È il piacere di riscoprire la propria interiorità e aprirla agli altri.
La solitudine è, in altre parole, un modo per fare amicizia con se stessi, e solo coltivando la pace interiore è possibile aprirsi a ciò che è altro da noi.
Dice Arthur Schopenhauer: «Chi non ama la solitudine non ama neppure la libertà, perché si è liberi unicamente quando si è soli».

UnderWord
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 4 Marzo 2024