Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Arbre Magique

Gli albori di un mito fatto d’aghi

Le sue narici colsero i profumi della natura canadese, le sue orecchie le lamentele dei lattivendoli stanchi di essere impregnati dal fetore dei latticini: olfatto e udito in questione appartengono a Julius Sämann, chimico svizzero fuggito dai nazisti.
Insediatosi a Watertown NY City negli anni ’50, investì le sue fatiche in un progetto professionale che lasciò la scia: il Magic Tree, meglio noto come Arbre Magique, spodestò la pin-up creata dallo stesso Sämann e fino ad allora appesa agli specchietti retrovisori delle auto.
Il primo deodorante in cellulosa e non liquido, carico del profumo delle conifere canadesi, incartato da cellophane per non disperdere a vuoto l’aroma presente sui rami, comparse nei taxi newyorkesi che lo proposero come servizio extra.
Il boom di vendite fu poi favorito dallo sviluppo dell’industria automobilistica e il pino mignon divenne un accessorio immancabile nell’abitacolo di ogni auto.
Descritta la sua genesi, confidiamo ora nella mission, siano finalmente debellate tutte quelle puzze nauseabonde che aleggiano nell’auto: non sia mai che dopo una giornata lavorativa il/la collega d’ufficio vi chieda uno strappo fino a casa.

UnderWord
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 7 Giugno 2023