Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Trento-Renate 0-2: la sconfitta pesa e la panchina traballa

La 7° giornata di campionato del Girone A della Serie C potrebbe essere l’ultima da allenatore del Trento per il mister D’Anna: il risultato non lascia ben presagire e il gioco ancora meno; gli aquilotti sono stati di fatto relegati nella zona più bassa della classifica da questa brutta sconfitta. L’11 casalingo è stato composto da: Marchegiani, Damian, Ferri, Belcastro, Mihai, Garcia Tena, Osuji, Semprini, Brighenti e Ianesi, giocatori che sono andati a comporre un 4-3-1-2, il terzo modulo utilizzato nell’ultimo mese e già collaudato contro il Mantova. Per la squadra ospite, invece, l’allenatore Dossena ha scelto Drago, Angeli, Gavazzi, Anghileri, Maistrello, Morachioli, Baldassin, Malotti, Possenti, Silva ed Esposito. La direzione di gara è stata affidata all’arbitro Vogliadibacco (Bari), coadiuvato da Santarossa (Pordenone) e Rizzello (Casarano). Il match è stato preceduto da un bellissimo siparietto dedicato ai giovanissimi giocatori della Rotaliana, che hanno avuto l’occasione di affrontare i due portieri, dell’Under 15 e dell’Under 16, del Trento, società con cui la collaborazione sportiva è ormai più che consolidata.

Il primo tempo si è aperto all’insegna dell’attacco delle pantere che già da subito hanno imposto la propria mentalità offensiva al Briamasco: prima con un gol annullato per un fuorigioco millimetrico e poi con un colpo di testa di Maistrello che ha mancato di un soffio la porta difesa da Marchegiani. La reazione dei gialloblù è arrivata e si sono messi in luce prima Semprini – con un colpo di taekwondo, fuori di un soffio – e poi Osuji, artefice di numerosissimi lanci mai sfruttati a dovere dagli esterni. Da segnalare sono anche le ammonizioni di Osuji stesso, per un fallo su Malotti, e quella di Garcia, reo di aver sventato un pericolosissimo contropiede nerazzurro. La squadra di casa si è dimostrata comunque fiacca di fronte a quello che è il momento più buio della stagione: nel primo tempo sono stati zero i tiri effettivi nello specchio della porta avversaria, numerose invece le pericolose sviste tra centrocampo e difesa.

Nella seconda frazione di gioco il ritmo è stato più elevato da entrambe le parti e le azioni si sono susseguite – perlomeno nei primi minuti – senza sosta, fino all’espulsione di Osuji che dopo essere caduto nella sua area di rigore, contrastato da Marchioli, si è tuffato sul pallone e lo ha stretto a sé, guadagnandosi il secondo giallo. L’arbitro Vogliadibacco ha così assegnato una punizione indiretta in area e la chiamata è da regolamento perfetta, nonostante il momentaneo stupore generale. L’espulsione ha evidentemente tagliato le gambe alla squadra orfana del playmaker di giornata, ma il portiere Marchegiani con un paio di belle parate è riuscito a salvare la situazione, almeno fino al 75°, quando Morachioli – in stato di grazie nella partita di oggi – ha servito un pallone al bacio per Maistrello che ha spizzato il pallone fissando il punteggio sull’1-0 per gli ospiti. La strada è stata chiaramente in salita per il Trento, che ha visto il risultato arrivare ad un pesantissimo 2-0 all’86°, dopo una sequenza di gioco che aveva visto il Renate prendere il possesso esclusivo del campo. La grinta di Ianesi e Luci – subentrato nel 2° tempo a Belcastro – non è bastata nelle ultime battute dell’incontro per smuovere il secco 2-0: è una sconfitta pesante come un macigno.

Se durante la partita la curva Mair ha incitato la propria squadra fino all’ultimo minuto, è stato dopo il fischio finale che la tifoseria ha detto la sua, in maniera più che decisa: la contestazione è stata fortissima, sia nel momento subito successivo al triplice fischio, che in quello del post partita, quando i tifosi presenti si sono radunati fuori dal Briamasco intonando cori contro prestazione e atteggiamento dei giocatori. L’idea è stata resa specialmente da uno striscione che riportava la scritta “Rispettatela”, uno slogan che si commenta da sé.

Leggi le dichiarazioni post-partita.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 7 Dicembre 2022