Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Serie A, il focus sulla 19° giornata

Per il nostro consueto focus sulla Serie A, vi proponiamo oggi un approfondimento sul match salvezza andato in scena sabato 21 gennaio alle ore 15:00 tra Verona e Lecce. A spuntarla i gialloblù del tandem Zaffaroni-Bocchetti che, dopo una prima parte di stagione di gran lunga sotto le aspettative, pare aver trovato la quadra dopo la sosta mondiali, raccogliendo 7 punti in 4 partite, più di quanto avesse racimolato nelle precedenti 15 giornate. A regalare i 3 punti agli scaligeri la rete di testa nel primo tempo del trentino Depaoli che, servito magistralmente da Doig, trafigge il portiere ospite e di Lazovic che nella ripresa, riscopertosi bomber a seguito del nuovo collocamento tattico, fulmina Falcone con un preciso rasoterra dalla sinistra.

Il pagellone di Verona-Lecce:

Montipò 7: Sempre impeccabile, blinda la porta magistralmente nel primo tempo su Blin e Colombo e tiene il Verona in partita nel momento di massima difficoltà.

Dawidovicz 6: Fa quel che può con un brutto cliente come Di Francesco, poi è costretto ad uscire dopo mezzora per lasciare il posto a Magnani.

Hien 7: Colonna della difesa, non sbaglia praticamente nulla: dà sicurezza a tutta la squadra, con la sciabola e con il fioretto.

Ceccherini 6,5: Se il Verona non prende gol è anche grazie al suo costante sacrificio mixato all’esperienza che mette in campo. Soffre la velocità degli esterni Leccesi nella prima frazione ma poi prende le misure.

Depaoli 8: Un voto in più per il gol che sblocca la partita, per il resto si conferma una garanzia sia in fase difensiva che offensiva.

Tameze 6: In difficoltà nei primi 20′, corregge il tiro e disputa una gara attenta a centrocampo, più di contenimento che d’assalto.

Ilic 7,5: L’assist con cui serve a Lazovic il pallone del raddoppio è da lustrarsi gli occhi, per il resto della gara associa precisione a grande impegno.

Doig 7,5: Ufficialmente l’uomo  in più del Verona, sforna assist a raffica e si rende sempre pericoloso in avanti senza perdere un colpo in fase difensiva: scozzese volante.

Lasagna 6: Da sempre l’impressione di essere sul punto sbocciare, ma spesso si perde in un bicchier d’acqua. Prezioso comunque per far salire la squadra nella prima fase di gioco.

Lazovic 7: Altro gol dal peso specifico incommensurabile: dall’aereo per Marsiglia a leader ritrovato, la salvezza passa anche dai suoi piedi.

Djuric 7: Fa a sportellate con il mondo ed è prezioso per far respirare la squadra. Quando può, e come può, cerca anche di fare regia offensiva.

Magnani 6,5: Entra dopo 30′ e non sbaglia praticamente nulla, dando sicurezza all’intero reparto.

Zaffaroni/Bocchetti 7: Il tandem funziona: dopo il mese di sosta mondiale, sono riusciti nell’intento di ridare anima e forma ad una squadra in estrema difficoltà e in balia degli eventi (e della sfortuna): la rincorsa all’impresa passa soprattutto da loro, e crederci è un obbligo.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 1 Febbraio 2023