Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Pagellone Trento-Alessandria: Trainotti capitano coraggioso, attacco da rivedere

Credits Carmelo Ossanna – A.C. Trento 1921

Russo 6: serata dolceamara per l’estremo difensore del Trento che, in una partita nella quale viene impensierito poco o nulla, subisce un gol su cui non può farci nulla.

Frosinini 6: solito importante contributo sulla sua fascia di competenza dove spinge a dovere e si fa notare. In fase difensiva, specie nella seconda frazione, fatica un po’ e contribuisce ad abbassare il baricentro della squadra. (dal 37’ st Vitturini sv: entra nel finale)

Trainotti 7,5: ogni volta che scende in campo dimostra di non essere in Serie C per caso. Sempre puntuale in difesa e stavolta segna anche una rete preziosa che vale il momentaneo vantaggio dei suoi. Peccato debba uscire ad inizio ripresa. (dal 1’ st Barison 5,5: il paragone con Trainotti purtroppo e stranamente è impietoso, non preciso come ha abituato solitamente i suoi, si perde sul gol del pareggio di Gazaoul.)

Ferri 6: la sufficienza è la media tra un primo tempo più che sufficiente ed un secondo dove non ha mostrato la stessa sicurezza di sempre. Sulla ripresa, vale un po’ lo stesso discorso fatto per Barison e Frosinini, contribuisce anche lui nell’abbassare il baricentro della sua squadra.

Vaglica 6,5: molto bene nel primo tempo, corre e lotta a tutta fascia e rischia persino di andare a rete, poi come tutti si eclissa con il passare dei minuti.

Sangalli 6: solito compitino, nulla più. Rispetto ai compagni di reparto è quello meno appariscente e quando esce Suciu, l’intero centrocampo ne risente. Come al solito, lavora più in fase di interdizione che di costruzione, ma in partite come queste servirebbe un pizzico in più di personalità e qualità.

Suciu 6,5: uno dei migliori a centrocampo perché pressa alto la difesa ospite e non concede facili manovre ne alla retroguardia, tantomeno al centrocampo alessandrino. Finchè c’è lui in campo, la struttura regge, quando esce però s’incrina qualcosa. (dal 20’ st Rada 5,5: il suo ingresso, così come quello di Anastasia, coincide con il pareggio dell’Alessandria. È sicuramente un caso, ma con il passare dei minuti non da nulla in più di quanto fatto da Suciu, anzi.)

Attys 5,5: non così incisivo come solitamente ha fatto vedere. Si fa imbrigliare dalle maglie strette dell’Alessandria e nella ripresa si fa prendere dalla rabbia verso i tifosi avversari che lo insultano dalla tribuna. Segna un gol, poi annullato dall’arbitro, ma ha la colpa di toccare il pallone che, senza di lui sarebbe probabilmente finito in porta regolarmente.

Pasquato 6: assist a parte per Capitan Trainotti, si divora un gol praticamente già fatto per uno del suo calibro. Prima mezzora da incorniciare a cui si accompagna una ripresa da insufficienza piena, serve più concretezza sotto porta, ma sappiamo quanto riesca ad esaltarsi uno della sua classe quando la pressione aumenta.

Terrani 5,5: il gol in trasferta contro la Pro Patria dovrebbe averlo ringalluzzito, ma non è proprio così. Solita prestazione incolore che lo vede poco al centro dell’azione. Primo tempo sicuramente meglio della ripresa, nella quale non lo vede toccare nemmeno un pallone. (dal 20’ st Anastasia 5: entra a partita in corso, ma offre una prova incolore a cui ci ha, suo malgrado, spesso abituato in questa prima parte di campionato.)

Petrovic 5,5: per una volta che gli capitano un bel po’ di occasioni, risulta troppo sprecone e poco determinato sotto porta. Nel primo tempo si fa anticipare dalla difesa troppe volte e quando ha la palla del vantaggio, si fa recuperarre e spreca di nuovo. Gran peccato, ci sarebbe stato bisogno di un suo gol per mettere la partita in ghiaccio.

Tedino 5,5: bene l’atteggiamento del primo tempo dove il Trento meriterebbe ampiamente il doppio o triplo vantaggio, mentre va decisamente peggio la ripresa dove la sua squadra abbassa il baricentro e si fa cogliere di sorpresa sull’inserimento di Gazaoul che vale il pareggio.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 24 Giugno 2024