Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Nazionali senza Nazione

Provenza-Lapponia: questa è una partita di calcio che non si vedrà di sicuro nella fase di qualificazione agli Europei 2016, iniziata da poco. Per forza, dirà qualcuno, non stiamo parlando di nazioni: la Provenza fa parte della Francia, la Lapponia è una regione culturale spalmata tra Norvegia, Svezia e Finlandia. Le federazioni calcistiche sono quasi sempre delimitate dai confini di uno Stato. L’unica eccezione è costituita dal Regno Unito, che esprime ben 5 federazioni: Inghilterra, Scozia, Galles, Irlanda del Nord e Gibilterra (membro UEFA, ma non riconosciuta dalla FIFA). Le identità, però, non conoscono confini né bandiere. Se una persona, in cuor suo, si sente autenticamente provenzale, occitano o ladino, spesso antepone quell’identità a quella nazionale. Nella vita come, se possibile, nello sport.

È da questi presupposti che, nel 2003, è nata la Nouvelle Fédération-Board, la Federazione delle nazionali che non esistono. Fondata non a caso in Belgio, un Paese che vibra di questioni etnico-culturali, accoglie in sé varie selezioni che sono espressione di minoranze o di nazioni non riconosciute. Per ora, i membri sono 31, con altri 18 in lista d’attesa. A partire dal 2006, si disputa una sorta di Coppa del Mondo, la Viva Cup. Numero di squadre partecipanti molto, molto variabile − a seconda delle disponibilità, come quando ci si ritrova al campetto.

La prima edizione l’ha vinta la Lapponia, rifilando un imbarazzante 21-1 al Principato di Monaco, che pur essendo una nazione vera non ha una nazionale riconosciuta da FIFA e UEFA.
La selezione più titolata (3 edizioni consecutive tra il 2008 e il 2010), è la Padania. L’Italia dei mille campanili, manco a dirlo, è ben rappresentata: oltre alla selezione del Nord Italia, infatti, si contano anche la Sardegna e il Cilento, con il Regno delle Due Sicilie in trepidante attesa di far parte della federazione. La Francia risponde con Provenza, Occitania e Repubblica di Saugeais (11 comuni nel Nord-Est). L’Africa rivendica l’identità di alcune comunità con il Somaliland, il Camerun del Sud, la selezione Masai, il Casamance (regione del Senegal) e il Darfur (in attesa di conferma). Anche il popolo rom ha una sua selezione, così come i curdi, che sono pure campioni in carica in virtù del 2-1 rifilato a Cipro del Nord nel 2012.

Poi ci sono le formazioni con un bacino di selezione molto piccolo: è il caso di Rjeka (Fiume), dell’Isola di Pasqua e soprattutto del Principato di Sealand, che altro non è che una piattaforma in mezzo al mare a Est della Manica. Cinque fierissimi abitanti, ovvero la famiglia Bates, che vive lì dagli anni ’60. Rimane da vedere quale formazione schiererà in campo, una volta entrata nell’N.F.-Board, la selezione dell’Himalaya, che molto probabilmente sarà composta da volenterosissimi sherpa determinati a far valere il fattore campo. Proprio come la Bolivia, che in casa non ne perde una perché le squadre ospiti, a causa dell’altitudine, si stancano prestissimo per carenza di ossigeno.

Abklatschen

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 4 Marzo 2024