Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

“Le idee sono a prova di proiettile”, grazie Atalanta!

 

Foto Atalanta Bergamasca Calcio

La finale di Europa League tra Atalanta e Bayer Leverkusen ha regalato al mondo del calcio italiano emozioni indescrivibili. La storia è stata scritta con un 3-0 che non ammette repliche. La corrazzata tedesca, dopo un’imbattibilità durata 51 partite, si è dovuta arrendere contro la Dea di Gian Piero Gasperini.

Lookman ha segnato tre gol, la prima tripletta della sua carriera e l’Atalanta ha vinto la prima Coppa Europea dopo 8 anni straordinari e rivoluzionari. Il fuoriclasse nigeriano, mentre festeggiava stringendo tra le mani il pallone della gara, ha dichiarato ai microfoni di SkySport: “Sono molto molto contento, stasera ce l’abbiamo fatta tutti insieme. Abbiamo scritto la storia e il trofeo tornerà con noi a Bergamo. Incredibile! Lo scorso anno abbiamo fatto una grande stagione, ci siamo qualificati per l’Europa e questa stagione abbiamo vinto un trofeo insieme al mister. È davvero fantastico da parte di tutti, questa sera festeggiamo”.

Gasperini, arrivato con grande merito all’apice della sua carriera, si è lasciato andare alle emozioni del momento; “Il modo in cui abbiamo vinto è straordinario. Abbiamo battuto squadre fortissime come Sporting, Liverpool, Marsiglia e Leverkusen. È stato memorabile. Si giocava solo per vincere, dovevamo avere una pericolosità offensiva perché non basta difendere. Imbattibilità? L’abbiamo meritata senza ombra di dubbio. Vincere l’Europa League è una grande impresa. Non credo di essere migliore di oggi pomeriggio, un trofeo non cambia molto. Altrimenti vincerebbe solo la Juventus o l’Inter. Invece ha vinto anche il Bologna raggiungendo la Champions dopo 60 anni e il Cagliari salvandosi con Claudio Ranieri”.

Alla festa ha partecipato anche il Presidente Percassi: “Pazzesco, quello che è capitato è incredibile, un sogno che si è realizzato. Vedo la nostra tifoseria quanto ci ama e quanto ci vuole bene, meritavano questo traguardo. Il ritorno a Bergamo sarà una grande festa, sicuro, penso stiano già festeggiando tutti per le strade bergamasche. Cosa ho pensato dopo i primi due gol di Lookman? Mi sono detto che stavolta forse ce l’avremmo fatta. Anche nel secondo tempo la prestazione è stata buona… Un partitone!”.

Questa è una vittoria che arriva da lontano. Arriva da un’idea e, citando un capolavoro del cinema come V per Vendetta, “le idee sono a prova di proiettile”.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 24 Giugno 2024