Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

La Veronica… che passione

La Veronica… che passione

Giugno 1986. A Città del Messico, la nazionale di calcio inglese affronta quella argentina nella partita dei quarti di finale del Campionato del Mondo. Le squadre, bloccate sull’1 a 1, si studiano cercando di non scoprirsi troppo, quando Maradona compie una magia. Conquista la palla al centrocampo, si libera degli avversari con una veronica e dopo una lunga corsa, nonostante la rigida marcatura, mette a segno uno dei gol più belli della storia del calcio.

La veronica indica una serie di dribbling, in genere laterali, che un giocatore effettua per spiazzare l’avversario e superarlo, dopo averlo sbilanciato. È quell’ingrediente che fa emozionare i tifosi, che fa esplodere gli stadi di applausi e ovazioni. È il valore aggiunto di una partita, imprevedibile e creativo allo stesso tempo, in grado di realizzare la superiorità numerica.

È quel gesto tecnico che unisce tifoserie avversarie.

Il termine indica una delle figure tipiche della corrida eseguita dal torero con la cappa. Si effettua tendendo il panno vicino al corpo, posto di profilo rispetto al toro che carica, mentre all’ultimo momento il matador lo scarta, facendolo passare da destra a sinistra.

La veronica viene chiamata così in riferimento al gesto di Santa Veronica che, secondo la tradizione cristiana, si fermò ad asciugare il sudore di Gesù con un panno di lino (il cosiddetto “velo della Veronica“) durante la sua salita al Calvario.

 

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 4 Marzo 2024