Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Jorge Carrascosa: il “no” del Lupo

Jorge Carrascosa: il “no” del Lupo

Coppa del Mondo FIFA, undicesima edizione, Argentina 1978.
È il campionato mondiale di calcio sul quale Videla e i suoi colonnelli, che tengono il Paese sotto una delle dittature più spaventose del Novecento, investono tutte le risorse a disposizione per diffondere all’estero l’immagine di un’Argentina in ottima salute. L’occasione per distogliere l’attenzione dalle violenze e dalle violazioni dei diritti umani, mostrando al mondo la faccia migliore della nazione.

I quartieri malfamati della periferia di Buenos Aires vengono rasi al suolo, mentre a Rosario, un muro con immagini dipinte di belle case nasconde la povertà. Si procede all’arresto di migliaia di persone per evitare che parlino con i giornalisti stranieri e svelino le verità nascoste del regime e fatte combine per la vittoria finale perché “era indispensabile che l’Argentina vincesse la coppa”.

Ma c’è chi ha il coraggio di dire no a tutto questo, di dire no ad un mondiale macchiato di sangue e assordato dalle grida e dalle lacrime delle “madri di Plaza de Mayo”, che chiedono verità e giustizia per i loro figli desaparecidos, scomparsi nel nulla.

Si tratta di Jorge “El Lobo” Carrascosa, terzino destro e bandiera dell’Huracán, capitano della nazionale argentina che, tra l’incredulità generale, declina la convocazione in nazionale per non essere “complice” degli inganni e degli orrori organizzati dai vertici della dittatura. A ventinove anni abbandona la fascia di capitano e sceglie il silenzio. Dice di “no” a quella coppa, sogno di tutti i ragazzi, per non partecipare alla certa vittoria di un Governo sanguinario.

Soprannominato “Il Lupo” per il profilo aggressivo, per il modo solitario di interpretare il ruolo di terzino con una marcatura pressante a stancare l’avversario e corsa in progressione, non spiegherà mai il suo gesto e non rilascerà alcuna intervista. Si ritirerà dal calcio giocato l’anno successivo senza una parola, scegliendo di non entrare nella storia.
C’è chi diventa eroe per una rete, chi diventa eroe per una parata decisiva, chi per giocare al massimo fino al novantesimo, chi per devozione alla maglia, chi per un salvataggio sulla linea.

Jorge Carrascosa è diventato un eroe per aver detto “No”.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 26 Febbraio 2024