Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Italia campione d’Europa: a Wembley è festa azzurra!

Campioni! Il cielo è azzurro sopra… Londra!  Alzi la mano chi non ha pensato, almeno per un istante, quando Jorginho si è presentato sul dischetto, alla pazza corsa ad occhi chiusi di Fabio Grosso nel 2006, a Berlino. Questa volta la gioia prende però una via differente: la splendida vittoria azzurra non è passata dal destro del Professore bensì dai guantoni di super Gigio Donnarumma, fenomenale nel respingere a Saka il rigore decisivo.

Dopo 53 anni la Nazionale Italiana è di nuovo campione d’Europa e l’abbraccio a fine gara tra Roberto Mancini e il suo grande amico Vialli – che dopo quasi trent’anni dalla finale di Coppa dei Campioni del 92′ chiudono il conto in sospeso con Londra conquistando Wembley – è la cartolina perfetta di una serata che corona il fantastico percorso di una squadra capace, partendo non certo da favorita ma da outsider, di scrivere la storia e di regalare ad una nazione intera una gioia incommensurabile.

Nell’ultimo approfondimento dedicato al cammino degli azzurri in quest’ Europeo vi proponiamo il Pagellone della finalissima, naturalmente in trenta righe!

Donnarumma 9,5: Mette letteralmente i guantoni sulla coppa: inoperoso per la maggior parte della gara – e incolpevole sul gol di Shaw –  dimostra di essere un fenomeno ai calci di rigore. Nel momento giusto al posto giusto: storico.

Emerson 6,5: Trippier è un brutto cliente e lui parte con il freno a mano tirato, soffrendo  in entrambe le fasi. Cresce con il passare dei minuti e riesce anche a rendersi pericoloso nella metà campo avversaria.

Chiellini 8: Annulla letteralmente Kane giocando una gara sublime. Due interventi da manuale del calcio: il primo evita il raddoppio degli inglesi nei primi minuti di gioco, il secondo – nel primo tempo supplementare – è da vedere e rivedere. Anima e cuore: capitano vero.

Bonucci 9: Gara sontuosa: colonna della difesa assieme all’amico e compagno Chiellini, prova sempre ad impostare il gioco dalle retrovie, segna il gol del pareggio azzurro e realizza infine un rigore che pesa una tonnellata.

Di Lorenzo 6: La partenza è da brividi: soffre sempre quando gli inglesi fanno capolino dalle sue parti. Poi, con il passare dei minuti, corregge il tiro e dà il suo onesto contributo alla causa.

Verratti 7: Dopo una prima fase di gioco complicata, in cui viene marcato a vista, sale in cattedra e, assieme a Jorginho, organizza alla perfezione la manovra azzurra. Nell’azione del gol c’è anche il suo zampino.

Jorginho 7: Sbaglia un rigore: questa è la notizia. Errore dal dischetto a parte, gioca una gara perfetta, prendendosi sulle spalle la squadra soprattutto nei momenti di difficoltà: metronomo imprescindibile.

Barella 6: Rice è un brutto cliente e lo si vede fin dall’inizio: soffre tantissimo la fisicità del centrocampo inglese e spesso gira a vuoto. Meglio nella ripresa quando prova a rendersi inoltre pericoloso in avanti.

Insigne 6,5: Soffre terribilmente l’assenza di Spinazzola: costretto a giocare “a tutta fascia”, paga dazio in concretezza. Fondamentale è però la sua capacità di palleggio che permette ai suoi compagni di rifiatare in più occasioni.

Immobile 5,5: Mezzo voto in più per il grande impegno profuso. Non è la sua gara e si vede fin da subito: sempre fuori dalle trame di gioco azzurre, viene fagocitato dai centrali inglesi e non riesce mai ad incidere. Corretta la sostituzione.

Chiesa 8: Incontenibile, ogni volta che il pallone è tra i suoi piedi Wembley trema. Sfiora più volte il gol e regala una prestazione eccezionale: tecnica, velocità e cuore. Peccato per l’infortunio.

Cristante 6,5: Entra per contrastare la fisicità degli inglesi e gli riesce molto bene: cuore e muscoli al servizio della mediana azzurra.

Berardi 7: Al suo ingresso è tutta un’altra musica: regala quel pizzico di imprevedibilità che mette in crisi la retroguardia inglese. Sfiora un eurogol e realizza il primo, pesantissimo  rigore.

Bernardeschi 7: Rileva l’infortunato Chiesa ed è subito decisivo: va vicinissimo al gol, è pericoloso su punizione e realizza il suo penalty. Fondamentale.

Belotti 6: Subentra e si batte come un leone su ogni pallone che arriva dalle sue parti. Peccato per il rigore sbagliato, ma ormai è acqua passata.

Locatelli 6,5: Entra in una fase delicatissima e fa quello che deve fare, portando dinamicità e fisicità al centrocampo azzurro.

All. Mancini 9 : Questa vittoria è tutta sua: in tre anni, a suon di record, ha ridato anima ad una nazionale rilevata forse nel momento più difficile. Ha dimostrato, se mai ce ne fosse stato bisogno, di essere tra i migliori tecnici al mondo in quanto a idee di gioco, mentalità e carisma. Cheapeau.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...
  • "Al Tour de France trionfa lo sport, quello vero". Un approfondimento dedicato all'ultimo Tour de ...
  • Bill Russell è morto. Aveva 88 anni. Se ne va una leggenda della pallacanestro, il giocatore pi...
  • "La voce delle emozioni". Vi proponiamo oggi l'intervista alla filosofa e scrittrice Ilaria Gaspa ...
  • Joba è il nome d’arte di Giovanni Balduzzi, giovane cantautore che ha appena lanciato il suo n ...
  • "Canto per Europa, la migrante ferita dallo sguardo intelligente e profondo". Paolo Rumiz è stat ...

giovedì 11 Agosto 2022