Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

FDS 2023 – Giuseppe Marotta: “Cultura della vittoria e senso di appartenenza”

La sesta edizione del Festival dello Sport, svoltasi da giovedì 12 a domenica 15 ottobre a Trento, ha visto partecipare numerosi ospiti di rilievo, tra i quali l’amministratore delegato dell’Inter Giuseppe Marotta che vanta 47 anni di carriera. Focus dell’incontro il ruolo e la figura di una persona che rappresenta diversi valori fondamentali all’interno di un club importante e prestigioso il cui scopo è vincere.

La seconda stella è l’obiettivo dichiarato da tutti i principali membri all’interno della società come ha confermato Marotta: “Nello sport essere ambiziosi non è un difetto ma un pregio, bisogna sempre tenere l’asticella alta. Deve essere uno stimolo per tutte le componenti societarie a fare meglio, ma l’ambizione non bisogna confonderla con l’arroganza”. Il mondo del calcio ha avuto un drastico cambiamento negli ultimi anni per quanto riguarda il fattore economico. Molti calciatori sembrano pensare più ai soldi che agli obiettivi personali e di squadra da raggiungere. “Il dio denaro la fa da padrone, Lukaku fa parte del passato recente e bisogna guardare al futuro. I 50000 fischietti venduti per Inter-Roma fanno parte del gioco, i tifosi sono giustamente liberi di esprimere la propria opinione in maniera civile. Una scelta che deve assolutamente essere accettata”.

Marotta, nella sua lunga carriera, è stato artefice di trattative importanti sul fronte calciomercato sia in entrata che in uscita. Gli esempi più eclatanti riguardano indubbiamente le vicende di Pogba: “Lo abbiamo preso a parametro zero dal Manchester United e rivenduto alla stessa proprietà per una cifra intorno ai 115 milioni di euro”. Stesso discorso vale per Icardi: “Lo abbiamo dato al Psg per 50 milioni quando il suo valore di mercato si era inevitabilmente indebolito a causa delle vicende extra calcistiche, è stata sicuramente una delle mie migliori operazioni”.

Il DS nerazzurro ha definito i rimpianti come parte inevitabile della condizione umana: “Non si possono non avere, senza saremmo delle macchine”. In particolare, il suo rimpianto è, quando lavorava per la Juventus, quello di non aver acquistato un giovanissimo Haaland quando ne ebbe la possibilità.

La cultura della vittoria e il senso di appartenenza sono i due valori chiave emersi nel corso di questa intervista: “Senza non si va da nessuna parte, sono fondamentali per arrivare al successo collettivo e individuale”.

A cura di Diego Morone e Giovanni Iannucci

 

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

venerdì 14 Giugno 2024