Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

FDS 2023 – Genoni e Zecchini: dove l’acqua è più blu

Diversi sono gli sport acquatici amati da un pubblico di massa: nuoto, tuffi, sub, snorkeling… In secondo piano, poi, troviamo una nicchia appassionata per un’attività sportiva meno conosciuta, apparentemente poco stimolante da osservare, e che in realtà nasconde un mondo meraviglioso: l’immersione in apnea.

Alla sesta edizione del Festival dello Sport, venerdì 13 ottobre, Alessia Zecchini e Gianluca Genoni hanno raccontato le loro avventure in questo sport, mostrando al pubblico quanto può essere emozionante immergersi sotto l’acqua e trattenere il respiro ammirando, quando possibile, ciò che si nasconde nei profondi abissi.

L’evento è iniziato con la proiezione del trailer del documentario “The Deepest Breath – Respiro Profondo”, diretto da Laura McGann e pubblicato quest’anno da Netflix. Questa pellicola vede come protagonista Alessia Zecchini, che racconta la sua esperienza da campionessa apneista e svela al pubblico le caratteristiche del suo sport, tanto appassionante quanto estremo.

Nel corso della conferenza, i due atleti hanno ricordato con gioia e passione i loro successi, i loro record e le loro esperienze svolte fuori dalla gara. Entrambi, in tempi e circostanze diversi, hanno iniziato ad immergersi da bambini, con lo scopo di divertirsi e fare una nuova esperienza. Con il tempo, si sono innamorati di questo sport, facendolo diventare una professione.

Praticando l’apnea – dice Alessia Zecchini – si può svolgere un’attività a contatto con la natura, ritrovando sé stessi lontani dalla realtà. Si provano emozioni uniche e si scopre quanto autocontrollo possiamo avere del nostro corpo e del nostro respiro. La percezione del corpo che si adatta a stare nell’acqua, chiudendo i polmoni per non farli implodere e facendo calare il battito cardiaco, è apparsa come una sensazione unica e indescrivibile, raggiungibile solo con la giusta combinazione di talento e allenamento. Naturalmente, è essenziale saper respirare correttamente, riuscire a controllare le emozioni e concentrarsi solo sull’esercizio che si sta svolgendo, per non sprecare energie e ossigeno, in caso di necessità.

D’altronde si tratta di uno sport estremamente complesso e ogni misura di sicurezza è fondamentale per la buona riuscita dell’esercizio. Gianluca Genoni, ricordando il giorno in cui ha avuto un malore sott’acqua, ha ribadito l’importanza di avere un’equipe di salvataggio, l’assistenza e l’attrezzatura adeguata nello svolgimento dell’immersione… perché il più delle volte non sono necessari, ma in caso di bisogno possono fare la differenza!

L’incontro si è chiuso in bellezza con un esercizio di respirazione con il diaframma, che i due atleti hanno mostrato e consigliato al pubblico: posare una mano sulla pancia e l’altra sul petto; inspirare ed espirare muovendo solo la pancia, facendo entrare quanta più aria possibile… perché saper respirare correttamente è utile sia per il corpo che per la mente… e riguarda tutti, anche per chi non fa sport!

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 4 Marzo 2024