Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Favole olimpiche sui pedali

Le favole – lo sappiamo tutti – sono roba da film. Nella vita reale sono rarissime, quasi non esistono. Prendiamo lo sport. Quante volte capita che la squadra più piccola, partita senza il favore dei pronostici e destinata a soccombere facilmente riesca a battere lo squadrone super-attrezzato e pieno di stelle? Mai. A pensarci un po’, l’unica grande favola sportiva degli ultimi dieci anni è stata il Leicester City, vincitore a sorpresa della Premier League nella stagione 2015-2016.

Le due prove in linea di ciclismo alle Olimpiadi di Tokyo – quella maschile e quella femminile – hanno regalato a tutti gli appassionati di sport due nuove favole. I vincitori hanno sorpreso tutti, persino gli addetti ai lavori: da una parte l’ecuadoriano Richard Carapaz, dall’altra l’austriaca Anna Kiesenhofer. Carapaz non è una sorpresa in senso assoluto: ha già vinto un Giro d’Italia ed è arrivato terzo all’ultimo Tour de France. Ma non era certamente uno dei favoriti per la prova in linea alle Olimpiadi, sia per il peso specifico della squadra (l’Ecuador schierava solo due corridori alla partenza) sia per il parterre di rivali (tra i quali gli ultra-favoriti Van Aert e Pogacar, arrivati rispettivamente secondo e terzo, che potevano sfruttare – specie Van Aert – squadre ben più attrezzate). Complice l’immobilismo degli avversari – più attenti a controllarsi tra loro che a fare la corsa – Carapaz ha attaccato da distante e con una grande dimostrazione di tenacia e di resistenza è arrivato fino al traguardo, rintuzzando il recupero forsennato del gruppo al suo inseguimento.

Ancor più sorprendente è stata la vittoria di Kiesenhofer nella prova femminile. Sorprendente per due motivi. Primo, perché Kiesenhofer non è una ciclista professionista, ma una ricercatrice universitaria in fisica matematica: diciamo che il ciclismo è più un secondo mestiere. Secondo, perché l’atleta austriaca è andata in fuga appena iniziata la corsa ed è rimasta davanti al gruppo delle favorite (tra cui le temibili olandesi) per tutti i 137 chilometri di corsa. Un risultato davvero insperato e impronosticabile, che ha sorpreso in primis le stesse rivali. Giunta al traguardo, la favoritissima olandese Annemiek Van Vleuten ha esultato a braccia alzate, credendo d’aver vinto la medaglia d’oro: non sapeva di essere stata preceduta da un’altra atleta.

Non hanno avuto un ruolo centrale in queste favole gli atleti e le atlete della nazionale italiana. La squadra maschile non ha brillato: il migliore – Alberto Bettiol – è stato bloccato dai crampi nel momento clou della corsa, chiudendo infine al 14esimo posto. Molto meglio la selezione femminile: Elisa Longo Borghini è riuscita a confermare il bronzo di Rio 2016.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022