Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Euro 2020: Italia, sei in finale!

Dimmi che siamo in finale senza dirmi che siamo in finale. 6 luglio 2021, ore 23.41: Jorginho segna il rigore decisivo e regala agli azzurri la quarta finale Europea della loro storia. Alla vigilia la gara con la Spagna si preannunciava complicata, e così è stato: le furie rosse hanno difatti tenuto in scacco l’Italia per buona parte della gara, riuscendo a imbrigliare – con un sontuoso giro palla – il gioco del “Mancio” che (cheapeu) si dimostra vincente (per l’ennesima volta), riuscendo a cogliere l’andazzo e correndo tatticamente ai ripari. Neppure il tempo di qualche giro d’orologio che la situazione è chiara: l’imperativo di lì in poi sarà coprirsi, soffrire, e provare a far male in ripartenza. E così è stato: dopo un primo tempo di sangue e sudore ci pensa Chiesa, con – letteralmente – un eurogol al 60′, a portare in vantaggio l’Italia. Non fosse per un lampo di Morata, che venti minuti più tardi pareggia i conti, la gara si sarebbe probabilmente chiusa senza ricorrere ai tempi supplementari: un’altra mezz’ora da coltello tra i denti, con gli azzurri dietro la linea della palla (e bravi e fortunati a resistere alle sfuriate rosse), consegna il destino delle due formazioni alla lotteria dei calci di rigore. Dopo i due errori iniziali di Locatelli e Olmo – e le successive realizzazioni di Belotti, Moreno, Bonucci, Alcantara e Bernardeschi – ai giri finali ci pensa di nuovo Morata a iscriversi all’appuntamento con la storia, questa volta però imboccando il senso sbagliato, calciando tra le braccia di Donnarumma. Il resto è storia nota.

Cosa ci lascia questa semifinale dunque? Consapevolezza. Consapevolezza di una cavalcata trionfale – caratterizzata da bel gioco e successi – e consapevolezza di essere stati in grado di superare anche l’ostacolo più difficile, nel modo forse più entusiasmante: con una gara “sporca” ma efficace. Ed è proprio questo lo scarto tra l’essere “belli” ed essere vincenti.

Ora la storia andrà fatta a Wembley, il prossimo 11 luglio. Poco importa se di fronte ci sarà l’Inghilterra o la Danimarca, o se si dovrà estrarre la sciabola o il fioretto. Li possediamo entrambi. Divertiamoci.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...
  • "Al Tour de France trionfa lo sport, quello vero". Un approfondimento dedicato all'ultimo Tour de ...
  • Bill Russell è morto. Aveva 88 anni. Se ne va una leggenda della pallacanestro, il giocatore pi...
  • "La voce delle emozioni". Vi proponiamo oggi l'intervista alla filosofa e scrittrice Ilaria Gaspa ...
  • Joba è il nome d’arte di Giovanni Balduzzi, giovane cantautore che ha appena lanciato il suo n ...
  • "Canto per Europa, la migrante ferita dallo sguardo intelligente e profondo". Paolo Rumiz è stat ...

giovedì 11 Agosto 2022