Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Una professione che unisce le generazioni da più di un secolo

L’attività boschiva di famiglia

Questo articolo fa parte del laboratorio Scrittori di classe

 

Mio padre possiede una ditta boschiva in Trentino ed è da ben 38 anni che fa il boscaiolo. Già i miei antenati svolgevano questa professione, e tutte le generazioni della mia famiglia, finora, la hanno portata avanti.

La professione del boscaiolo è iniziata con il nonno di mio nonno che inizialmente era un carrettiere – che all’epoca sua era un po’ come il camionista di adesso. Aveva tre cavalli e due muli e andava a recuperare i tronchi con il carro per poi portarli in segheria. In inverno, per trasportarli, utilizzava una slitta molto grande che scivolava sulla neve trainata dai cavalli, ai quali oltre ai soliti ferri sotto gli zoccoli mettevano una specie di corona dentata che serviva a non farli scivolare sui tratti di ghiaccio.

Questo lavoro lo hanno portato avanti il mio bisnonno e poi mio nonno, e la professione si è trasformata man mano che i tempi cambiavano: da carrettieri i miei avi diventarono veri e propri boscaioli, quindi non andavano più solamente a portare le piante in segheria, ma erano loro stessi a tagliare gli alberi. Mio nonno possedeva inoltre una stalla che curava con i suoi figli maschi.

a

Sono stati loro, mio zio e mio padre a vedere un’altra importante trasformazione in questa professione, quella tecnologica: iniziarono a comprare i primi macchinari e quindi vendettero i cavalli che ormai erano stati sostituiti da trattore e verricello.
Mio zio in seguito decise di creare una ditta di carpenteria, dato che i suoi figli avevano frequentato la scuola edile e potevano aiutarlo in questa nuova sfida.
Rimanevano quindi solo mio nonno e mio padre a portare avanti l’attività forestale, fino a che, circa dieci anni fa, mio nonno decise di dedicarsi solo alla stalla e all’allevamento perché per lui, che aveva ormai 75 anni, andare a tagliare piante era diventato un po’ pericoloso.

Mio padre invece continuò a dedicarsi alla ditta forestale da solo, assumendo un operaio solamente dopo 18 anni.

Ora vado anche io ad aiutarlo, ma non sempre perché a volte deve svolgere lavori in luoghi un po’ troppo pericolosi per me.

In questo ultimo periodo poi, andare nel bosco è diventato ancora più pericoloso perché con l’alluvione e il forte vento che ha colpito il Trentino a fine ottobre – la tempesta Vaia – si sono sradicate e spezzate tantissime piante ed il bosco è diventato come uno “shangai”: se sposti una singola pianta si rischia che cadano tutte.

Nonostante sia un lavoro rischioso, da grande vorrei intraprendere il lavoro di mio papà, portando avanti l’attività di famiglia proprio come i miei avi hanno fatto negli anni passati.

images

karerpass4-1

Scrittori di classe
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

domenica 2 Aprile 2023