Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Marinai ondivaghi in un’estate anomala

È arrivato settembre.
Quando e come è successo?
Fino a poco tempo fa l’estate irrompeva accecante, afosa ed instabile più che mai.
Un’estate nuova, diversa, traballante. Un’estate che si è rivelata colma di punti interrogativi dinnanzi ad un’Italia sulla via della resurrezione. Gli italiani, improvvisamente destati dal calore delle note delle hit estive, sono tornati a riscoprire la bellezza della madre patria, gettandosi a capofitto tra le insenature inesplorate di un mare che fino a pochi mesi prima aveva conosciuto in prevalenza bracciate straniere. Lo stivale continua a barcollare sulle onde dell’incertezza tra distanziamento sociale, mascherine e rinascita.

Estate 2020 in una parola? Ondivaga.

Una parola di rara bellezza come di rara attribuzione.
Una parola che ho riscoperto io stessa tra le increspature di un dizionario e che oggi ho deciso di adottare e di riportare a galla.
Così, sulla scia del progetto #paroledasalvare di Zanichelli, sono pronta ad imbarcarmi in questo nuovo viaggio alla scoperta di un aggettivo e di un tempo insostituibili.

PRIMA TAPPA: definizione. 

Il termine “ondivago” è un latinismo, un composto di “onda” e “vagante” che letteralmente significa “che vaga sulle onde, sulla superficie del mare”. L’accezione figurativa, invece, delinea comportamenti incerti, dubbiosi, oscillanti: in balia delle onde, appunto.

SECONDA TAPPA: capire perché l’estate 2020 non può che essere definita “ondivaga”.

Innanzitutto, è un aggettivo che fa riferimento ad un oggetto abbandonato alla corrente, privo di bussole e direzioni. Allo stesso modo, dopo mesi di domande carenti di risposte, l’Italia si affaccia ad un orizzonte incerto, lasciato al proprio destino e privato di un faro guida. Secondo motivo: “ondivago” indica l’andamento incerto caratteristico della mancanza di equilibrio. Così, gli italiani trascorrono gli ultimi giorni di mare ondeggiando da una spiaggia all’altra, tra un weekend e l’altro, in segno di rivalsa vittoriosa di fronte a quei mesi di reclusione che ormai appaiono – o fingono di apparire – distanti. La terza ed ultima ragione si mostra limpida nell’indecisione: muoversi da un’opinione all’altra, lasciarsi cullare dai flutti di opportunità come imbarcazioni affidate all’imprevedibilità di un mare denominato “futuro”.

TERZA TAPPA: tornare ad apprezzare la bellezza.

Un’estate ondivaga: un pretesto per riscoprire frammenti nascosti della nostra penisola a partire dal nostro stesso linguaggio. Un’estate ondivaga: un’occasione in più per tornare a considerare e a definire il nostro attuale status di onde erranti. Riscoprirci barchette vaganti che oscillano un po’ qua e un po’ là alla ricerca del faro perduto: ondivaghi.

Rubriche, UnderWord
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 1 Febbraio 2023