“Inchiostro” – Karen Giacomello

inchiostro

“Inchiostro” – Karen Giacomello

Amo l’inchiostro
Quando trasborda dalla penna
Le dita si sporcano
mollano la presa
Nessun peso
Solo nero.

I tacchi non bastano
Per non affogare
Sotto le unghie
Dentro i capelli
Entra
Senza dimensione
Disperde il perimetro
Di ogni dolore.

Ritrovo i miei sogni
forse un amore
Macchia nera invadente
Sul cuore

Amo l’incongrua fusione
E disdico
Ogni compleanno
Della comune religione
Geometrica
Lineare
Come questa penna
Oramai da buttare.

Infine io
Seguo solamente
La scia lunga
Leggera
E avvolgente
Dei miei sogni
D’inchiostro
Controcorrente.

Rubriche
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • COP26: la testimonianza della nostra collaboratrice Ilaria Bionda che, nell'ambito progetto "Vist ...
  • Orientarsi nello stralunato mondo di Salvador Dalì non è impresa facile. Ci sono però dei temi ...
  • Musica? Never enough! Per la nostra sezione Cultura vi raccontiamo la terza serata del contest "S ...
  • "Il sonno della scrittura genera mostri." Un'interessante riflessione sul fatto che "scrivere ben ...
  • Nel 1938 gli architetti razionalisti Giuseppe Terragni e Pietro Lingeri dedicavano a "La Commedia ...
  • Cosa si nasconde dietro la fenomenologia del rewatch, ovvero dietro quella voglia di rivedere ser ...

martedì 7 Dicembre 2021