Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

“Il lago” – Davide Prudentino

“Il lago” – Davide Prudentino

C’erano delle acque immense, in una conca in mezzo alle montagne: molti le chiamavano il lago. Nessuno, credevo, abitava sulle rive di quel lago ma molti ci passavano ed osservavano la sua maestosità come io ero solito fare. I suoi domini si estendevano per chilometri e le sue acque bagnavano il nord ed il sud di due mondi. C’era solo un castello che guardava prepotente la sua bellezza. Ed il Signore di quel maniero schifava, geloso, l’immensità di quel mare d’acqua dolce. Padrone di un mondo così ampio che quel Re non poteva immaginare pallidamente la grandezza del suo dominio. Cosi che, giorno dopo giorno, la natura stessa elogiava le acque padroni ed Israfel cantava le sue lodi nel cielo. Tutti parlavano di quel superbo essere che osava porre i suoi occhi sul potere del lago. Ma arrivò la Notte, l’unica signora che quelle acque tolleravano, a portare riposo. Così il Re carico delle sue brame, come animale che dopo il pasto ha più fame che prima, prese la barca e cominciò a navigare sul nero che la Dolce Signora aveva donato. Ben presto però un turbine si sollevò dal lago e per quel signore che si voleva impossessare del Paradiso fu l’Inferno. Poi il Silenzio. Io non sono più passato da quel lago, che di colpo era sparito come il giardino dove fu creato Adamo.

Rubriche
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...
  • "Al Tour de France trionfa lo sport, quello vero". Un approfondimento dedicato all'ultimo Tour de ...
  • Bill Russell è morto. Aveva 88 anni. Se ne va una leggenda della pallacanestro, il giocatore pi...
  • "La voce delle emozioni". Vi proponiamo oggi l'intervista alla filosofa e scrittrice Ilaria Gaspa ...
  • Joba è il nome d’arte di Giovanni Balduzzi, giovane cantautore che ha appena lanciato il suo n ...
  • "Canto per Europa, la migrante ferita dallo sguardo intelligente e profondo". Paolo Rumiz è stat ...

giovedì 11 Agosto 2022