“Il binario dei vent’anni” – Sirio

“Il binario dei vent’anni” – Sirio

Canterei dei giorni nostri

appannati dai finestrini antichi

ma i saluti dal binario dei vent’anni

sono vuoti a perdere.

 

Ho perso anche il suolo sterrato

di una notte, di una città non mia

che a pensarci bene

ero solo un passante in una periferia.

 

Il sorriso ci fu comunque

perchè in fondo era diverso,

parlandone poi a lungo.

 

E un giorno invecchierai come un casa qualunque

e ti sarà più semplice sorridere ai fantasmi.

Sussurrerai  il mio nome, e mi saluterai discreta,

seduta in attesa al binario del domani.

Rubriche
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • COP26: la testimonianza della nostra collaboratrice Ilaria Bionda che, nell'ambito progetto "Vist ...
  • Orientarsi nello stralunato mondo di Salvador Dalì non è impresa facile. Ci sono però dei temi ...
  • Musica? Never enough! Per la nostra sezione Cultura vi raccontiamo la terza serata del contest "S ...
  • "Il sonno della scrittura genera mostri." Un'interessante riflessione sul fatto che "scrivere ben ...
  • Nel 1938 gli architetti razionalisti Giuseppe Terragni e Pietro Lingeri dedicavano a "La Commedia ...
  • Cosa si nasconde dietro la fenomenologia del rewatch, ovvero dietro quella voglia di rivedere ser ...

martedì 7 Dicembre 2021