Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

“Icastico”

Chissà quante volte abbiamo cercato di rendere efficace un concetto ornandolo di grandi parole o definizione complesse, pensando in questo modo di fare breccia nella capacità d’ascolto dell’interlocutore. Se da un lato lo sforzo sarà stato davvero immane per trovare i termini giusti, sarebbe stato molto più semplice ricorrere a qualche vocabolo icàstico. Questa parola sembra molto difficile da assimilare di primo acchito, in realtà si tratta di un aggettivo che deve la sua origine linguistica italiana ad una derivazione dal greco antico e precisamente dal verbo ‘eikazo’ che significa “rappresento”.

Il campo semantico a cui appartiene tale vocabolo è dunque quello dello stile, inteso come espressione delle varie forme rappresentative della realtà. In sostanza può definirsi icàstico tutto ciò che riesce a rendere chiara, evidente oppure efficace una determinata espressione, sia essa verbale, visiva, sensoriale o materiale. La derivazione di questo termine a livello storico è riconducibile non a caso al periodo rinascimentale, in virtù del frequente ricorso che vari artisti e letterati dell’epoca facevano alla cultura greca antica, spinti da un forte bisogno di recuperare canoni e valori estetici andati persi durante il buio del Medioevo.

Adottare un metodo icàstico attraverso la resa di uno stile classicheggiante e votato alla rappresentazione realistica delle parole e delle immagini era quindi una soluzione gradita a tanti poeti e pittori intenti a trasferire con incisività i propri messaggi all’interno delle opere realizzate. L’aggettivo in questione non è comunque la sola declinazione presente in lingua italiana, dal momento che il sostantivo icàstica è la parola atta a definire l’arte di rappresentare mediante immagini o raffigurazioni. In un Mondo come quello attuale, dove la comunicazione assume spesso velocità mai viste prima, riuscire a risultare icàstici non è da tutti ma può rivelarsi una forma efficace per avere successo in molti contesti della vita quotidiana.

Rubriche
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

venerdì 19 Aprile 2024