Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

“Da dove si viene e dove si va” – Marianna Malpaga

 

“Da dove si viene e dove si va” – Marianna Malpaga

Casa. Da dove si viene e dove si va.

Mentre camminava, Margherita teneva tra le mani le chiavi di quella che, fino a quel momento, era stata casa sua. Erano mani nervose, le sue, perché sapeva che di lì a poco avrebbe dovuto riconsegnare quel mazzo ai suoi affittuari. La aspettavano una partenza, un’altra casa e un’altra vita. Mentre passeggiava – o meglio correva, vista l’agitazione – i ricordi affioravano e la fagocitavano nel mondo che stava dietro di lei, quello in cui aveva vissuto sinora. Le cene con i suoi coinquilini, tutte quelle ore passate sui libri domandandosi “Ma servirà?”, la palestra due volte in settimana, i caffè e gli aperitivi con le amiche parlando di quel professore di francese che, solamente a nominarlo, le spuntava il sorriso. La nostalgia premeva e premeva, e lei si chiedeva: “Ma dove altro posso andare, io? Esiste forse un altro luogo, oltre a questo, dove io possa stare?”. Era la paura che la assillava a ogni nuovo inizio, che le annebbiava la mente e le offuscava gli occhi e il cuore. Le mani le sudavano mentre stringeva quel mazzo di chiavi. Cercava di farsi forza con un mucchio di frasi fatte, per dirsi che, in fondo, sarebbe andato tutto bene. Quelle sono le frasi che impediscono di pensare che, per ogni domanda, esiste una risposta che è nostra e solo nostra, alla quale nessun altro potrà mai giungere.

I pensieri che le davano forza erano come un mucchio di cartoline da posti lontani. Luoghi in cui era stata o che avrebbe voluto visitare. Il cortile di casa di sua nonna, dove giocava quando era bambina, fingendo che sarebbe potuta diventare qualsiasi cosa avesse voluto: una scrittrice, soprattutto, anche se ora quando prendeva carta e penna il solo pensiero di essere trasportata in un mondo che fosse altro rispetto a quello in cui c’era una ragazza che stringeva un mazzo di chiavi tra le mani le faceva paura. Poi c’erano i libri, i baluardi della sua felicità. In un libro puoi trovare tutto: la gioia, la tristezza, una storia che volevi assolutamente conoscere… Ma anzitutto l’animo umano. Con i libri capisci le persone, sono come fotografie che ti inquadrano in modo spietato: tu sei questo, e un libro l’ha descritto prima ancora che potessi pensarlo o perfino esserlo. Con i libri entri nella psiche di tutti: sono spietati, i libri. Hai presente quella persona che se ne sta lì, sempre in disparte, o quella che invece sembra odiare tutto e tutti? Ecco, se leggi un libro ti rendi conto di come, dietro ad ognuno, ci sia un mondo, un vaso di pandora, un viaggio di cui spesso si legge solo la destinazione, senza mai visitare davvero quel posto. I viaggi. Un altro pensiero che riaffiorava nella sua testa. Margherita si chiedeva se, dopo un anno di pandemia, abituata a stare davanti al computer e a conoscere le cose senza mai usare veramente il senso della vista sarebbe riuscita a viaggiare di nuovo. A incontrare di nuovo, a conoscere di nuovo, usando tutta se stessa: occhi, cuore e cervello.

C’erano i pensieri che, a fiotti, le scorrevano nella testa, mandandola in tilt perché non riusciva a concentrarsi su una sola cosa. E, alle volte, è questo che salva: concentrarsi su una cosa sola, lasciando per un momento tutto il resto in disparte. Oltre ai pensieri, però, c’erano quelle chiavi, quel mazzo che stringeva tra le mani sudate e nervose. Le avrebbe riconsegnate tra poco, dicevamo, e non sapeva ancora quale porta avrebbe aperto in futuro. Avrebbe voluto essere sicura, ma non lo era; avrebbe voluto sapere, ma non sapeva. L’unica cosa che riusciva a sentire in quel momento era la sua ansia. Un’angoscia che le comunicava, in fondo, una cosa: era viva. “Forse può essere considerata casa anche il cammino, anche se non sai verso quale direzione ti porterà”, si disse. Era una risposta preconfezionata, certo, ma per dare la sua personale interpretazione c’era ancora la strada. Tanta strada da percorrere, e i suoi passi incerti, sì, ma anche vivi e danzanti.

Casa. Da dove si viene e dove si va.

Rubriche
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...
  • "Al Tour de France trionfa lo sport, quello vero". Un approfondimento dedicato all'ultimo Tour de ...
  • Bill Russell è morto. Aveva 88 anni. Se ne va una leggenda della pallacanestro, il giocatore pi...
  • "La voce delle emozioni". Vi proponiamo oggi l'intervista alla filosofa e scrittrice Ilaria Gaspa ...
  • Joba è il nome d’arte di Giovanni Balduzzi, giovane cantautore che ha appena lanciato il suo n ...
  • "Canto per Europa, la migrante ferita dallo sguardo intelligente e profondo". Paolo Rumiz è stat ...

giovedì 11 Agosto 2022