Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

“Antenati” – Davide Prudentino

“Antenati” – Davide Prudentino

Ogni tanto mi domando chi eravate voi. Miei padri e madri. Miei onorevoli fantasmi. Cosa facevate in quelle serate estive di secoli antichi. Come passavate le vostre giornate quando non eravate consapevoli della vita. Mi hanno raccontato che c’era un mio vecchio antenato che era tornato un giorno a casa dal lavoro e aveva trovato la sua famiglia e la sua casa distrutte dalle bombe. Penso che l’eco della sua disperazione riecheggi ancora in me in quei momenti in cui penso al bene che voglio alla mia famiglia. Un altro invece se ne stava quieto nel suo negozio. Vendeva generi alimentari e l’unica cosa che diceva era quando finiva il tale articolo o la tale pietanza. Il resto del tempo lo passava in silenzio a leggere libri dietro la cassa, pacifico mentre la sua mente compiva viaggi infiniti. Penso che anche la sua pacatezza mi tocchi in certi momenti in cui quieto leggo in silenzio.

Ma come è stata quell’estate caro avo. Quell’estate in cui iniziava la guerra. Quei giorni in cui io ero ancora un punto nel cielo. Respiravi la stessa aria che respiro io? Disperato cercavi di tenerti in vita sul Carso. Un’ altra invece, dicevano, madre delle mie madri combatteva per le montagne del lago. Aiutava i partigiani che resistevano alla repubblica.Che nella mia famiglia siamo sempre stati cosi: tutti diversi. Uno a favore, uno contro ma pur sempre uniti.

Ci sono stai i miei nonni poi che si sono salvati per una voce. Che hanno sempre cercato di aiutare come potevano. E quanti ancora si domanderanno chi sono stato io. Un loro avo pacato e disperato che se ne stava la sera a leggere e fumare sperando in un giorno nuovo. In un sole diverso.

Ma non potrò mai saperlo. Da noi in famiglia si è cosi: diversi e con un po’ di paura per l’ignoto.

Rubriche
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...
  • "Al Tour de France trionfa lo sport, quello vero". Un approfondimento dedicato all'ultimo Tour de ...
  • Bill Russell è morto. Aveva 88 anni. Se ne va una leggenda della pallacanestro, il giocatore pi...
  • "La voce delle emozioni". Vi proponiamo oggi l'intervista alla filosofa e scrittrice Ilaria Gaspa ...
  • Joba è il nome d’arte di Giovanni Balduzzi, giovane cantautore che ha appena lanciato il suo n ...
  • "Canto per Europa, la migrante ferita dallo sguardo intelligente e profondo". Paolo Rumiz è stat ...

giovedì 11 Agosto 2022