Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Usufruire di musica: tra streaming selvaggio e riscoperta prepotente del vinile

Quando ero piccolo c’erano i mixtape in cassetta fatti dai più grandi, che si passavano i pezzi migliori e li copiavano su audiocassetta.
I CD erano merce costosa e pregiata, ce se ne poteva permettere pochi all’anno. Il vinile, supporto che aveva caratterizzato gli anni dei nostri padri, invece, non era per nulla contemplato da noi giovincelli.
I primi CD che mi comperai  li consumai in un lettore portatile che cadde così tante volte fino a disintegrarsi. Nel mentre però internet e, soprattutto l’ADSL, iniziarono ad entrare timidamente nella nostre case ed era possibile scaricare discografie intere grazie a quel piccolo programmino che intorno al 2004-2005 era sui desktop di ogni adolescente: eMule.
Sebbene la storia del peer-2-peer fosse nata anni prima con Napster, nella provincia del Nord-Est italiano questi erano semplici dettagli e la facilità di utilizzo di eMule disfò ogni certezza oltre che la dipendenza dal vile denaro per comperarsi il nuovo disco degli Iron Maiden.

Ma quando con l’avvento della modalità streaming il destino dei supporti rigidi classici sembrava scritto, incredibilmente, il vinile torna prepotentemente nelle case dei giovani, oltre che degli adulti − che mai l’hanno abbandonato.
Tra i maggiori fautori di questo ritorno al disco grande e nero ci sono le piccole etichette discografiche indipendenti capaci di proporre album con artwork e packaging sempre più innovativi e curiosi, fino a estreme assurdità, come la trovata della band svedese Shout Out Louds che ha distribuito il proprio singolo Blue Ice su un disco di ghiaccio.

walkman-e-iPod

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

sabato 25 Maggio 2024