Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

La vera storia della partita di nascondino più grande al mondo

C’è un film piemontese presentato al Trento Film Festival nella sezione Terre alte – dedicata ai documentari d’autore su genti di montagna, tradizioni e paesaggi in trasformazione – in cui il nascondino non è solo un gioco. Bensì una tradizione, una commemorazione, una mobilitazione. Ma andiamo con ordine.

La vera storia della partita di nascondino più grande al mondo è un titolo insolitamente lungo per una produzione cinematografica, a maggior ragione per un cortometraggio di soli undici minuti. Questa, tuttavia, non è l’unica “contraddizione” della storia: il gioco del nascondino, di norma apprezzato e giocato quasi totalmente dai bambini, è qui a loro vietato. Si tratta di un nascondino particolare, che segue ferree regole.

Siamo a Serravalle Langhe, un piccolo paese di 301 abitanti della provincia di Cuneo, nel sud ovest del Piemonte. Il corto si apre con immagini del paesaggio campagnolo che si susseguono e, soprattutto, con un conto alla rovescia. Nel borgo è infatti tradizione, ogni anno dal 1945, una grande partita di nascondino che coinvolge tutti gli abitanti, sindaco compreso, ad eccezione degli under 18. Questi ultimi, nei giorni di gara, prendono il posto degli adulti in tutto e per tutto, sostituendoli nelle mansioni giornaliere, a casa e al lavoro. Ecco la prima regola da rispettare, «per una questione di sicurezza» come viene spiegato allo spettatore.

La seconda norma obbliga ogni partecipante a portare con sé – finché non viene trovato – una nocciola che funziona da conta delle persone, diligentemente aggiunta in fila alle altre su un tavolo di legno. La terza e ultima regola, invece, ci indica che non esiste la “tana” e che la fine del gioco si raggiunge quando 299 persone su 300 vengono trovate, l’ultimo abitante a rimanere è il vincitore, riceve e detiene la nocciola d’oro e sarà colui che condurrà la partita, cercando gli altri, l’anno seguente. Il tempo di gioco finora imbattuto è quello di tre giorni e nove ore che, come testimonia il certificato nell’ufficio del sindaco, è nientemeno che un Guinness World Record.

Ma il nascondino, per Serravalle Langhe, non è solo un gioco. La zona ha una storia strettamente legata alle vicende dei partigiani e questa grande partita avviene per tener viva la memoria. Gli abitanti si nascondono per ricordare quando, durante la Resistenza, in molti furono costretti a darsi alla macchia per salvare sé stessi e tutto il paese. È il loro modo per non dimenticare.

Lo stile leggero del breve documentario riesce a trasmettere totalmente il profondo messaggio della tradizione. Allo spettatore viene sicuramente da chiedersi se ciò che viene raccontato è vero – e probabilmente non lo è – ma è una storia che fa sorridere e commuovere allo stesso tempo, lasciando la voglia di raggiungere Serravalle Langhe e partecipare a questa partita.

Gli incontri con il signor Edo – il cercatore –, il sindaco e gli altri abitanti coinvolgono, grazie alla loro capacità evocativa. Il messaggio è universale e viene trasmesso con un tono lieve ma non superficiale, diventando ancora maggiormente comprensibile. È per questo che alla fine non ci importa se sia tutto vero o meno, nella nostra mente lo è.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 7 Dicembre 2022